Parco archeologico Selinunte. Sequestrati 9 kg di corallo e due conchiglie rare

Il corallo e le conchiglie erano in vendita presso un venditore ambulante

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
03 Agosto 2021 12:55
Parco archeologico Selinunte. Sequestrati 9 kg di corallo e due conchiglie rare

Durante un servizio di controllo del territorio i carabinieri forestali del centro anticrimine natura di Palermo – distaccamento di Trapani, hanno denunciato un venditore ambulante poiché esponeva per la vendita, senza la prevista documentazione, numerosi esemplari appartenti a specie tutelate dalla convenzione internazionale di Washington, meglio conosciuta con l’acronimo cites (convention on international trade in endangered species of wild fauna and flora - convezione sul commercio internazionale di specie della fauna e della flora in via d’estinzione).

L’uomo, che aveva la sua bancarella all’interno del parco archeologico di selinunte, deteneva infatti, oltre ai caratteristici souvenir tipici dell’isola, vari coralli e conchiglie privi di tracciabilità riguardo la provenienza.

I carabinieri hanno così sequestrato 9 chili di corallo distinti in 67 pezzi di differenti misure, tutti appartenenti alla specie scleractinia, nonché 2 conchiglie rosa della specie strombus gigas.

La commercializzazione di simili esemplari è infatti tutelata da un regime internazionale volto a impedire il prelievo e la successiva commercializzazione illegale delle specie di flora e fauna in via di estinzione. La vendita di simili esemplari, che nel caso scoperto a selinunte, riguarda esemplari iscritti nell’allegato, prevede la necessaria presenza di un certificato di importazione e di una dichiarazione scritta di cessione. Tali documenti all’atto del controllo non sono stati esibiti, facendo scattare così il sequestro di tutti gli esemplari e la denuncia per l’illecita commercializzazione.

COMUNICATO STAMPA

In evidenza