I Parlamentari dell' ARS sostengono il ''DDL dei precari Forestali''

Antonio David di ForestaliNews: ''La stabilizzazione rimane l’unica carta che deve essere portata avanti senza blocchi''

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
25 Maggio 2021 09:55
I Parlamentari dell' ARS sostengono il ''DDL dei precari Forestali''

E’ un documento che potrebbe dar vita ad una cambiamento radicale quello che ha presentato l’Onorevole Gaetano Calvagno (FdI) dal nome “norme per il superamento del precariato del comparto agro-forestale e ambientale, acquisizione di nuove competenze”.

Un DDL che propone di superare l’attuale legge che regolamenta il settore, la numero 16 del 6 aprile 1996, più volte modificata e integrata ma mai in un’ottica di sistema. Il documento, è stato sottoscritto da molteplici parlamentari all’Ars di Fdi, Elvira Amata e Rossana Cannata, gli onorevoli Vincenzo Figuccia (Lega), Danilo Lo Giudice (Udc), Anthony Barbagallo (Pd), Claudio Fava (Misto), Orazio Ragusa (Lega), Edmondo Tamajo (Italia Viva).

Una proposta, messa in atto dal Sifus che verrà presentata domani alle 10 nella sede di Sifus-Confali a Catania. E non è un caso: proprio il sindacato, nel 2013, aveva presentato un disegno di legge su iniziativa popolare, raccogliendo 14 mila certificati elettorali. La proposta attuale “supera le criticità della le criticità del precedente atto e riesce a contenere la copertura finanziaria grazie alla riduzione della platea dei lavoratori forestali dovuta a ragioni anagrafiche”, come spiegato nel Ddl proposto da Galvagno.

La legge 16 del 1996 individuava infatti un contingente di lavoratori diviso per provincia, ovvero 1721 unità per Agrigento, 1365 per Caltanissetta, 2816 per Catania, 1845 per Enna, a Messina 2177, a Palermo 5356, a Ragusa 1058 e Trapani 1242 unità, compresi i lavoratori impiegati alla Riserva dello Zingaro. Numeri non garantiti dallo stato di fatto, che vede solo 1326 unità a tempo indeterminato, mentre oltre 17 mila lavoratori sono stagionali a tempo determinato. Nel dettaglio 5296 per 151 giornate, 8857 per 101 giornate e 3183 per 78 giornate.

La proposta di legge elimina i contingenti che costituiscono le fasce occupazionali per permettere il transito automatico dei lavoratori nel contingente previsto dall’articolo 46 della Legge regionale 16 del 1996. Stabilizzazioni che arriveranno seguendo un ordine anagrafico a partire dagli elenchi dei lavoratori che hanno già avuto rapporti con le ex Aziende forestali demaniali. E da rimpinguare attingendo di volta in volta dagli elenchi degli operai agricoli.

In questi giorni è circolata anche la proposta del Governo Regionale di portare tutti gli operai a 180 giornate lavorative senza distinzioni di fascia, ma sono solo voci senza conferma da parte sindacale e soprattutto senza niente di scritto. Su questo sistema la esitazione non è plausibile per tanti operai che vedono il rischio di rimanere sempre precari e spalmare le 180 giornate su 24 mesi come dice Antonio David di ForestaliNews. “Se qualcuno pensa che ciò possa essere una bella notizia, la verità di effettuare le giornate a spezzatino o spalmate nell’arco dell’anno, non combacia con la soluzione del problema e le aspettative dei lavoratori. La stabilizzazione rimane l’unica carta che deve essere portata avanti senza blocchi di turnover e incertezze che hanno accompagnato il comparto per tutti questi anni”.

Un obiettivo ambizioso, che deve aver egli aiuti economici anche da fondi europei che saranno messi in campo mediante dei progetti redatti e che non serviranno soltanto a pagare gli stipendi degli operai, così come si pensa, in aggiunta ai capitoli regionali, con una copertura pari a 130 milioni di euro. Ulteriori risorse, per 540 milioni, possono invece arrivare dai fondi europei Fsc, Psr e Poc, “compresi quelli degli assi e nelle misure che finanziano gli interventi nei settori delle nuove competenze acquisite”. Si dispone inoltre la costituzione, senza oneri di spesa aggiuntivi, di un team di esperti individuati dall’assessorato regionale all’Agricoltura e dall’Assessorato al Territorio e Ambiente all’interno dei rispettivi dipartimenti. Viene infine istituito un capitolo per le entrate derivanti dalla fruizione delle aree demaniali aperte alla comunità e dalla vendita delle produzioni boschive varie.

In evidenza