Marettimo Italian Film Fest, una seconda edizione ricca di ospiti e produzioni

La kermesse unisce l’amore per il cinema italiano a quello per l’ambiente e, in particolare, per la tutela del mare

Claudia
Claudia Parrinello
13 Maggio 2021 15:15
Marettimo Italian Film Fest, una seconda edizione ricca di ospiti e produzioni

Dopo un anno di stop dovuto all’emergenza sanitaria, ritorna sull’isola di Marettimo un appuntamento esclusivo che ha portato il cinema in un luogo in cui il cinema non c’è. Stiamo parlando del “Marettimo Italian Film Festival- We love the sea”, la kermesse dedicata al cinema italiano e al mare che andrà in scena dal 20 al 24 luglio sull’isola sacra.

Dopo il successo della prima edizione, con grandi ospiti e momenti emozionanti, anche quest’anno si prospetta un’edizione ricca di personaggi e contenuti con la direzione artistica di Pupi Avati.

L’evento è organizzato dall’ Associazione culturale SoleMar-Eventi di cui la presidente è Cettina Spataro, isolana doc che ha ideato il format dell’evento e messo su il team che ha dato vita al progetto finale. Grazie al lavoro di Gabriella Carlucci, vice presidente dell’Associazione SoleMar-Eventi, il festival ha stretto importanti partnership con festival internazionali del settore cinematografico e sulla più lontana delle Egadi sono arrivati importanti nomi del cinema e non solo.

La presentazione della seconda edizione del tanto atteso appuntamento è avvenuta martedì 11 maggio presso la Sala alessandrina del Complesso Monumentale di S. Spirito, a Roma in cui erano presenti, tra gli altri, Nello Musumeci (presidente Regione Siciliana), Manlio Messina (assessore al Turismo della Regione Siciliana), il regista Pupi Avati (direttore artistico), Francesco Forgione (sindaco di Favignana), Alfonso Maria Dastis (ambasciatore spagnolo in Italia), Gabriella Carlucci e Giorgio Rusconi (vicepresidenti dell’associazione culturale SoleMar-Eventi, organizzatrice del Festival).

Il regista Pupi Avati ha sottolineato l’importanza in Italia di stimolare in ogni modo la passione per il fare: “Io credo che il senso di un’iniziativa che riguarda il cinema italiano sia sempre accompagnare, seguire, candidarsi ad essere complici di chi ha immaginato questa cosa. Credo che in questo momento, – ha aggiunto il direttore artistico del Marettimo Film Fest – nello stato del nostro Paese, tutto quello che incoraggia l’attività, il fare, sia assolutamente da accompagnare con una presenza non solo intellettuale, ma anche proprio fisica, personale.

Il Marettimo Italian Film Fest unisce l’amore per il cinema italiano a quello per l’ambiente e, in particolare, per la tutela del mare. I documentari, i film ed i cortometraggi, che verranno proiettati durante il Festival, sono collegati dai temi del mare e della valorizzazione dell’ambiente marino. Nella programmazione sono incluse 9 produzioni fornite dal National Geographic.

Questi i film in concorso: “The Armstrongs”, docufilm di Arthur Neumeier, “Nour” di Maurizio Zaccaro, “L’uomo Delfino” di Richard Lowenstein, “Burraco Fatale” di Giuliana Gamba, “Padrenostro” di Claudio Noce, “L’uomo di Aran” di Robert Flaherty, “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores.  Nel corso del Marettimo Italian Film Fest verrà proiettato inoltre il film “Lei mi parla ancora” (regia di Pupi Avati), un doveroso omaggio al grande maestro del nostro cinema.

L’assegnazione del “Premio Stella Maris” rappresenterà il clou dell’evento cinematografico. Il riconoscimento verrà assegnato ai lungometraggi, ai cortometraggi e ai documentari di produzione italiana che raccontano il mare in ogni sua sfaccettatura, ma anche agli attori più votati. Grandi nomi comporranno la giuria tecnica. A presiederla ci sarà Luciano Sovena. I componenti saranno Michele Placido, Fabrizio Romano (attore), Nicoletta Romanoff (attrice), Federica Luna Vincenti e Gigi Marzullo (giornalista e conduttore tv).

La serata della premiazione sarà condotta dall’attrice e conduttrice televisiva Giulia Arena, ex miss Italia 2013. Madrina della serata sarà Martina Sambucini, miss Italia 2020.

L’evento è patrocinato dal Mic, dalla Regione Siciliana, dall’Area Marina Protetta, dal Comune di Favignana e da Unipol Gruppo.

In evidenza