Pesca Ugl, approccio per eliminare dumping e introdurre regole condivise

L'approccio di multilateralità ha il fine di garantire un quadro geopolitico che tenga al sicuro i nostri lavoratori

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
25 Maggio 2022 10:03
Pesca Ugl, approccio per eliminare dumping e introdurre regole condivise

“Abbiamo apprezzato la volontà degli europarlamentari presenti di ascoltare i nodi irrisolti che minano la sopravvivenza e lo sviluppo della pesca. 

“Così Carla Ciocci Segretario Nazionale Ugl agroalimentare pesca e Giuseppe Messina, segretario regionale Ugl Sicilia, a margine della tavola rotonda con gli europarlamentari della Commissione pesca del Parlamento Europeo a Mazara del Vallo. 

“A dover essere attenzionati sono i temi dell’invecchiamento della flotta e le difficoltà di un suo ammodernamento che incidono sulla possibilità di un ambiente di lavoro sicuro per i nostri pescatori. Poi - continuano i sindacalisti Ugl - la necessità di promuovere il ricambio generale e la formazione dei lavoratori e dei futuri lavoratori del settore. 

La pesca è il settore che primo fra tutti ha affrontato i temi della sostenibilità ambientale e della transizione ecologica senza poter contare su adeguati strumenti a tutela della dimensione sociale, per lungo tempo dimenticata nel quadro delle politiche europee dedicate al comparto”. 

“L'approccio della politica comune della pesca - concludono Ciocci e Messina - deve cambiare e tornare a scommettere sulla multilateralità, eliminando il dumping e introducendo regole uguali per tutti in termini di accesso alle acque pescose del Mediterraneo, al fine di garantire un quadro geopolitico che tenga al sicuro i nostri lavoratori”.

Comunicato stampa

In evidenza