Mazara, Precariato, La Grutta (M5S) presenta un’interrogazione sulla stabilizzazione del personale comunale

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
09 Dicembre 2014 13:58
Mazara, Precariato, La Grutta (M5S) presenta un’interrogazione sulla stabilizzazione del personale comunale

Il Consigliere comunale del M5S, Nicola La Grutta, ha presentato un'interroga - zione a risposta scritta urgente, indirizzata al Sindaco della Città di Mazara del Vallo ed al Presidente del Consiglio comunale, su: "Stabilizzazione del personale a tempo determinato in servizio presso il Comune di Mazara del Vallo".

Ecco il testo integrale:

Con la presente interrogazione,il sottoscritto Nicolò La Grutta, Consigliere comunale del Movimento 5 Stelle,in virtù dell'art. 25 del vigente "regolamento sui lavori del Consiglio comunale",

PREMESSO che

- che è certamente intendimento delle SS.VV. procedere alla stabilizzazione del personale a tempo determinato in servizio presso il comune di Mazara, il cui contratto è in scadenza al 31.12.2014;

CONSIDERATO- che in questo momento di crisi e di forti problemi occupazionali, la certezza di una remunerazione sicura infonde serenità sia al lavoratore che alla propria famiglia;

VISTA- la L.R. n. 5/2014 recante "Disposizioni programmatiche e correttive per l'anno 2014. Legge di stabilità regionale" ed in particolare l'art. 30 denominato "Disposizioni in materia di personale precario";VISTA- la deliberazione G.M. n. 95 del 25/6/2014, esecutiva ai sensi di legge, ad oggetto "Nuova struttura organizzativa dell'ente - Graduazione delle posizioni dirigenziali ai fini dell'entità della retribuzione di posizione - Individuazione e pesatura delle posizioni organizzative – Individuazione e pesatura alte professionalità", con la quale l'ente è stato riorganizzato con la previsione di n. 5 settori comunali quali macro-strutture al cui interno allocare i servizi e gli uffici comunali;

RILEVATO- che occorre rispettare la normativa inerente il collocamento obbligatorio dei disabili, ovvero è fatto obbligo al comune di riservare e provvedere all'assunzione di posti riservati ai diversamente abili così come prescritto dalla legge 68/99;RILEVATO- che l'art.89, comma 1°, del D.Lgs. n.267/2000 e successive integrazioni e modifiche, disciplina la potestà regolamentare degli enti locali anche attraverso la definizione delle dotazioni organiche e la loro consistenza complessiva, mentre il 5° comma del medesimo articolo riconosce agli enti locali autonomia normativa ed organizzativa nella determinazione della propria dotazione organica e nella organizzazione e gestione del personale, con i soli limiti derivanti dalle proprie capacità di bilancio e dalle esigenze di esercizio delle funzioni, dei servizi e dei compiti affidati;VISTA- La recente Sentenza della Corte di giustizia europea del 26.

11. 2014 – CAUSE RIUNITE C-22/13, DA C-61/13 A C-63/13 E C-418/13 inerente il lavoro a tempo determinato;CONSIDERATO- L'articolo 117, primo comma, della Costituzione della Repubblica italiana prevede che «La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dal [diritto dell'Unione] e dagli obblighi internazionali».

INTERROGA

l'Amministrazione comunale, per conoscere come intende intervenire e procedere alla definizione delle procedure di stabilizzazione di cui all'art. n. 6 della Legge Regionale n. 24/10 nel rispetto dei lavoratori e nell'interesse dell'Ente, alla luce dell'art. 117 della Costituzione.

(Comunicato)

09/12/14  14,45

{fshare}

In evidenza