Mazara, la pensilina alla fermata bus Mazara-Palermo è piccola, La Grutta interviene in Consiglio

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
18 Dicembre 2014 09:28
Mazara, la pensilina alla fermata bus Mazara-Palermo è piccola, La Grutta interviene in Consiglio

Una pensilina non basta, troppi i pendolari, soprattutto al mattino. Nei giorni scorsi il Consigliere comunale del M5S, Nicola La Grutta, ha presentato un'interrogazione a risposta scritta urgente in merito alla pensilina di attesa per la fermata dell'autobus Mazara Palermo (e ritorno),

situata nello slargo in Via Casa Santa di fronte l'Ospedale "Abele Ajello", copertura sotto la quale stazionano giornalmente numerosi studenti e lavoratori pendolari mazaresi per recarsi nel capoluogo siciliano, e non solo.

Così il Consigliere pentastellato dell'opposizione ha chiesto al Sindaco Cristaldi - si legge nell'interrogazione - se "è intendimento di questa Amministrazione intervenire al fine di garantire una copertura di una più grande area per questi numerosi cittadini che giornalmente stazionano nell'attesa del bus di linea, rilevato che l'attuale pensilina esistente, ed impiantata poco tempo fa, risulta inferiore al fabbisogno del gran numero di cittadini, costringendone tanti a essere esposti alle intemperie". Aggiungendo che: "Tra i tanti viaggiatori in attesa vi sono anche tanti cittadini che si spostano per cure cliniche negli ospedali palermitani, per cui soggetti deboli".

La pensilina alla fermata del bus era stata collocata lo scorso novembre dopo diversi appelli di cittadini pendolari, studenti fuorisede e lavoratori, lanciati anche attraverso la redazione di primapaginamazara.it. Gli stessi cittadini lamentavano da tempo la mancanza di un riparo per la pioggia o, soprattutto al mattino presto e d'inverno, per il freddo. A darne notizia dell'installazione era stata l'Amministrazione comunale: "La società Autoservizi Salemi, su invito della nostra Amministrazione, ha collocato a proprie spese, nella via Casa Santa di fronte al civico 71, una pensilina di attesa per la fermata di autobus a riparo dei viaggiatori che fruiscono dei servizi di linea".

Appena qualche giorno dopo, la pensilina appena collocata era stata danneggiata e il Comune di Mazara aveva subito diramato un comunicato in cui le responsabilità dell'accaduto erano state attribuite ad un gruppo di vandali. "C'è un gruppetto di delinquenti in questa città - aveva dichiarato il Sindaco - che non si arrende nonostante il buon lavoro svolto dalle Istituzioni amministrative e dalle Forze dell'Ordine e che continuano a danneggiare e a vandalizzare tutto ciò che rappresenta la cosa pubblica". Solamente in seguito si venne a sapere che - secondo le testimonianze di alcune persone presenti durante il fatto e rivelate attraverso un profilo facebook - a danneggiare la tettoia era stata una signora che aveva preso in pieno, sbattendo la testa, una delle facciate di vetro laterali della pensilina, non accorgendosi della stessa in quanto completamente trasparente. Pensilina tutt'oggi che risulta ancora lesionata.

A ringraziare La Grutta per la proposta di nuove pensiline, sono intervenuti alcuni cittadini mazaresi - Bonomo Girolamo, Evola Alessandro, Terramagra Vito, Vinci Francesco, Zaccaria Alessandro - i quali scrivendo una lettera al Consigliere, hanno voluto esprimere "sentita gratitudine, per essersi fatto sensibile portavoce in Consiglio comunale dell'esigenza di aggiungere altre pensiline a quella già esistente al Capolinea dell'Autoservizi Salemi, accogliendo con cortese puntualità la segnalazione posta da parte dei pendolari e dei cittadini che per motivi personali o di salute, si recano quotidianamente a Palermo. E' stata occasione per conoscere, da vicino, le persone di schiette qualità che fanno proprie le esigenze altrui e le traducono in utilità generale".

Vincenzo De Santi

18/12/14  10,30

{fshare}

In evidenza