Mazara, il sindaco Quinci si dissocia dalle dichiarazioni offensive del consigliere leghista nei confronti della Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
04 Settembre 2020 12:57
Mazara, il sindaco Quinci si dissocia dalle dichiarazioni offensive del consigliere leghista nei confronti della Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo

«Nella qualità di primo cittadino mi dissocio dalle dichiarazioni del consigliere leghista Giorgio Randazzo pronunciate durante l’ultima seduta di Consiglio comunale, denigrando l’operato della Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo. Mi sono scusato personalmente a nome di tutta la città con il Contrammiraglio Roberto Isidori, direttore marittimo della Sicilia Occidentale e Comandante della Capitaneria di Porto di Palermo, in occasione di un incontro riservato avuto nei giorni scorsi presso la Capitaneria di Porto di Mazara, alla presenza del Comandante Vincenzo Cascio.

Le gravi accuse mosse nei confronti della Marina Militare e in particolar modo della Capitaneria di Porto recano un’offesa a tutta la comunità. Le istituzioni non si toccano, le istituzioni sono patrimonio di tutti e vanno salvaguardate, specialmente da chi dice di assumere in capo a se delle responsabilità pubbliche. Tra l’altro la mia non è solo una difesa d’ufficio ma un apprezzamento dell’operato della Capitaneria di Porto che da sempre si spende per questo territorio, conseguendo risultati sempre più apprezzabili e in piena collaborazione con questa Amministrazione comunale.

Proprio in questi giorni, si è celebrato a Mazara del Vallo un evento internazionale con la partecipazione di illustri rappresentanti del mondo dei porti italiani, premiati per essersi distinti nel loro lavoro durante l’emergenza Coronavirus. Le istituzioni sono il punto di forza, l’orgoglio del nostro Paese, soprattutto quest’anno durante la pandemia mondiale». Lo dichiara il Sindaco Salvatore Quinci, a seguito delle dichiarazioni del consigliere comunale Giorgio Randazzo.

In evidenza