Architetto palermitano Giulia Orsini assolta da violazioni urbanistiche a Campobello di Mazara

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
04 Febbraio 2016 09:42
Architetto palermitano Giulia Orsini assolta da violazioni urbanistiche a Campobello di Mazara

Il giudice monocratico di Marsala Matteo Torre ha assolto (“il fatto non sussiste”) un architetto di Palermo, Giulia Orsini, di 33 anni, legale rappresentante della società “Vanedda srl”, processata con l’accusa di avere realizzato, a Tre Fontane, alcune opere “senza autorizzazione paesaggistica”, senza quella dell’Autorità marittima e senza darne preventiva comunicazione all’ufficio della Regione competente per le zone sismiche.

Deturpando e danneggiando, inoltre, sempre secondo l’accusa, proprio per aver realizzato tali opere, le bellezze naturali del luogo. Il procedimento penale fu avviato a seguito delle relazioni redatte dai vigili urbani di Campobello di Mazara nel 2011. Quell’anno, infatti, la società dell’architetto Orsini si aggiudicò una gara indetta dal Comune di Campobello per la gestione dei campi di tennis in via Nicolò Gentile. E per questo, la “Vanedda srl” realizzò due chioschi di 16 metri quadrati ciascuno (uno da adibire a bar), due gazebo (uno di 48 mq e l’altro di 16 mq) e un solarium disposto su vari livelli posto alle spalle dell’impianto sportivo.

Tutte le strutture erano state realizzate in legno. A difendere l’architetto Giulia Orsini è stato l’avvocato palermitano Giuseppe Giammanco, mentre l’avvocato Kathya Ziletti ha rappresentato il Comune di Campobello, costituitosi parte civile.

A.P.

Comunicato stampa

04/02/2016

{fshare}

In evidenza