Quando finisce un amore

Pensieri in libertà

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
18 Gennaio 2022 18:35
Quando finisce un amore

Lo scampanellio delle campane della chiesa scomponevano i miei pensieri e dava il via ad un'inquietudine interiore. I miei pensieri fissi sullo stesso punto, sulla stessa sofferenza, impazzivano in una confusione inquieta. Forse volevano dirmi che era ora che mi scrollassi di dosso questo dolore muto, sordo, soffocante e nauseante? Mi guardo intorno e un gatto nero e bianco si sta allungando e stiracchiando verso il davanzale di una finestra come se volesse prendere una pallina gialla che giace sopra.

Il cielo azzurro leggermente velato, l'aria fresca e il profumo di settembre suggerivano una atmosfera di inizio autunno, accompagnato dalla file di bimbi e ragazzine con zaini nuovi e colorati che erano in armonia con i colori dei loro calzini e dei loro grembiuli appena acquistati.

Tutto nuovo per iniziare.

Un nuovo anno scolastico pieno di speranza, timori, delusioni cocenti, ma anche di successi irripetibili.

Ero sempre ferma su una sedia del mio bar preferito.

La mia mano correva lungo un foglio, inarrestabile come un treno moderno di quello tipo freccia argento.

Freccia argento era il mio treno preferito, mi ricordava la mia veneranda età, la maturità raggiunta. La giovinezza che era fuggita, i miei capelli con del grigio appena apparso, ma nel nome volevo aggrapparmi alla parola FRECCIA.

Io grigia di mezza età ma dentro ancora freccia. Capace di scoccare ancora tante frecce, tante risorse che aleggiano nella mia mente ma non hanno ancora forma né dimensione. Sono solo delle idee che vagano nei meandri della mia mente ancora offuscata dal dolore, dalla perdita, dalla delusione. Volevo attribuire la responsabilità a lui, poi a me o a qualsiasi cosa che avesse un senso. Mi tornavano in mente i versi della canzone del grande Cocciante: Quando finisce un amore, non c'è mai un motivo, né una ragione. Ti senti fragile come un bambino...

Ma da tutto questo non puoi fare altro che ripartire, perché non c'è altro modo di stare su questa terra.

Ricominciare...

Ricominciare...

sempre...sempre...sempre...

di Rita Vita MARCECA

La rubrica Le ultime della sera” è a cura della Redazione Amici di Penna.

Per contatti, suggerimenti, articoli e altro scrivete a: amicidipenna2020@gmail.com

In evidenza