Oggi Consiglio comunale, in aula la questione ponte alternativo sul fiume Arena

All’odg anche la sentenza Tar su ricorso per distributore carburanti in via Bessarione bocciato nel 2018 dal Consiglio

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
03 Novembre 2021 08:50
Oggi Consiglio comunale, in aula la questione ponte alternativo sul fiume Arena

Oggi pomeriggio alle ore 18 torna a riunirsi in presenza il Consiglio comunale di Mazara del Vallo in seduta ordinaria. Sono nove i punti iscritti all’ordine del giorno fra i quali:

-Art. 175 D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 – Variazione al bilancio di previsione finanziario 2021-2023 ed al D.U.P. 2021/2023. Questo punto dovrebbe riguardare l’iniziativa dell’Amministrazione comunale per rendere disponibili 300mila euro per la realizzazione del ponte alternativo sul fiume Mazaro in attesa che vengano completati i lavori di manutenzione straordinaria del ponte chiuso dall’ex Provincia di Trapani lo scorso 9 settembre; nonostante il cantiere sia stato allestito (vedi foto di copertina) i lavori (della durata prevista di circa 300 giorni) non sono iniziati. Il ponte alternativo, richiesto a gran voce dal Comitato dei residenti di Boccarena, dovrebbe essere noleggiato e montato (si spera nel giro di un paio di mesi), una volta acquisite le relative autorizzazioni dagli enti di competenza, nel tratto antecedente alla struttura dello Sporting Club.

-Esecuzione Sentenza n. 2470/2021 TAR Palermo Sez. III relativa al ricorso proposto da Gravil Business S.r.l. avverso Comune di Mazara del Vallo - Progetto per la realizzazione di un impianto di Distribuzione Carburanti e gas naturale (metano) da realizzarsi nella via G. Bessarione, in Mazara del Vallo, comportante variante allo strumento urbanistico, ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. n. 160 del 07/09/2010.

Questo punto riguarda una questione dibattuta in Consiglio comunale il 27 febbraio 2018 e per la quale nelle sedute precedenti era caduto il numero legale per la votazione dell’istanza di variante al Piano Regolatore comunale per la realizzazione nella via Bessarione di un impianto di carburanti e gas naturale (metano) che era stata presentata al Comune l’8 ottobre 2014 dal sig. Vito Grafato in qualità di amministratore unico della Soc. Gravil Business srl con sede a Mazara del Vallo. L’area dove individuata il rifornimento secondo il PRG è destinata a “parcheggio”, da qui la richiesta di variante al PRG il cui iter però –come più volte scritto dalla nostra redazione- è rimasto fermo al palo (si spera che l’attuale Amministrazione possa finalmente dare vita a quello che adesso si chiama Piano Urbanistico Generale); in questo contesto sono state presentate numerose richieste di varianti da parte dei privati che dovevano passare al vaglio degli uffici tecnici e all’approvazione del Consiglio comunale.

Ritornando al progetto in questione (che fu presentato come proponente dall’allora assessore comunale alle attività Produttive, Vito Vassallo, firmato anche dal responsabile del procedimento l’arch. Rita Latino e dal responsabile del Suap arch. Antonia Russo), bisogna sottolineare che, attraverso conferenze di servizio indette dall’Ufficio comunale Attività Produttive, erano stati interpellati diversi Enti territoriali per l’acquisizione dei pareri necessari sul progetto. Acquisiti favorevolmente tali pareri l’istanza di variante al PRG per la realizzazione del progetto ritornò nuovamente in Consiglio comunale.

Il progetto, in merito alla cartografia presentata prima e dopo le conferenze di servizio, nonostante le rassicurazioni fornite dallo stesso arch. Antonia Russo, non convinse gran parte del Consiglio comunale; anche alcuni consiglieri della maggioranza che sosteneva il sindaco Cristaldi (molti della quale non erano presenti in aula) si astennero all’atto della votazione. Al momento dell’appello del presidente Vito Gancitano rimasero in aula soltanto 16 consiglieri comunali, il numero minimo per mettere l’atto in votazione.

L’atto fu bocciato. 8 i voti favorevoli (il presidente Vito Gancitano, Francesco Foggia, Giovanni Iacono Fullone, Joselita D’Annibale, Giampaolo Caruso, Giuseppe Tumbiolo, Vito Foderà, Tonia Pernice), 7 astenuti (Antonino Gaiazzo, Antonio Colicchia, Matteo Bommarito, Viviana Impeduglia, Nicola La Grutta, Giuseppe Di Gregorio, Pietro Ingargiola); unico voto contrario quello di Giorgio Randazzo. Ricordiamo che dopo la votazione dell’atto il consigliere La Grutta chiese, a telecamere spente al presidente Gancitano di inviare sia l’atto che il verbale relativo alla sua discussione e votazione alla Procura della Repubblica.

Gli altri punti iscritti all’ordine del giorno della seduta odierna riguardano:

-Riconoscimento debito fuori bilancio a seguito di Sentenza n. 5354/2019 del Tribunale Ordinario di Palermo nella causa Sicily By Car S.p.A c/Comune di Mazara del Vallo + 18.

-Riconoscimento legittimità di debito fuori bilancio a seguito di Sentenza n. presso il T.A.R. per la Sicilia e successivo atto di precetto nella causa Giacalone Giovanni /Comune di Mazara del Vallo.

-Realizzazione di una rete di impianti di ricarica per veicoli elettrici a gestione privata. Approvazione della disciplina per l’istallazione, la realizzazione e la gestione delle infrastrutture di ricarica a pubblico accesso del territorio comunale.

-Mozione: Emergenza COVID19 – Riconoscimento alla Polizia Municipale.

-Mozione: Un monumento contro la mafia e una lapide per ricordare l’attentato al Commissario Germanà. 10. Mozione: Spazi di socialità nel Villaggio Pescatori. 11. Mozione: Modalità operative Ufficio SUAP, 2° Settore, Polizia Municipale.

Francesco Mezzapelle 

In evidenza