“Voragine” in via San Michele, grosso pericolo per cittadini e turisti

Appello affinchè l’Amministrazione mazarese possa intervenire prestissimo in quel tratto del centro storico

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
04 Settembre 2021 12:03
“Voragine” in via San Michele, grosso pericolo per cittadini e turisti

Un cittadino ci ha segnalato una vera e propria voragine, alquanto pericolosa, in via San Michele, dopo l’incrocio con piazza Santa Veneranda e via delle Sette Chiese. Siamo in pienissimo centro storico, si tratta di una via molto trafficata in quanto conduce in Corso Vittorio Veneto.

Come vedete dall’immagine (vedi foto copertina) sta letteralmente sprofondando un tombino ed inoltre vi sono delle profonde crepe che costituisco un vero e proprio pericolo per l’incolumità fisica dei passanti; la strada quotidianamente è attraversata da molti cittadini e anche visitatori che si recano a vedere la kasbah o alcuni siti monumentali presenti in zona. Siamo vicinissimi all’ingresso della biblioteca comunale e all’ingresso dell’Istituto scolastico “Borsellino”; pensate cosa potrebbe accadere con l’inizio dell’anno scolastico. Senza contare i potenziali danni per le auto e ciclomotori.

Il problema delle "buche" (ma anche avvallamenti e tombini dissestati) nelle strade mazaresi è una "questione" atavica che si ripropone giornalmente; sia dopo i temporali invernali che nella stagione estiva, sia che vengano transennate o semplicemente sistemate dall'Amministrazione di turno. La nuova Amministrazione ha avviato un programma per la copertura con un sistema “a caldo” delle buche cittadine e per la manutenzione del manto stradale comunale (recentemente messo a ferro e fuoco dai lavori per l’installazione della fibra ottica).

Pertanto speriamo che questa nostra segnalazione arrivi allo stesso assessore ai Lavori Pubblici e Servizi alla Città, Michele Reina, il quale alcuni giorni fa, in merito al problema delle moltissime buche, ci ha così dichiarato: “ da alcuni mesi a questa parte stiamo facendo un grande lavoro. In una prima fase abbiamo provveduto ‘in house’ a sistemare circa 800 buche. Successivamente con un appalto abbiamo affidato la sistemazione con un nuovo ‘sistema a caldo’ di altre 500 buche.Abbiamo finora fatto quanto possibile.

Non ci fermeremo”.

E noi speriamo che al più presto, anzi prestissimo, si possa intervenire per sistemare la “voragine” di via San Michele e anche delle altre grosse buche presenti in Città al fine di alleviare i disagi dei cittadini costretti quotidianamente a percorrere le maggiori arterie della città (in primis la martoriata via Bessarione) senza potere evitare buche nel manto stradale o vari dissesti; in molti casi sono state le cause di sinistri e delle centinaia di risarcimenti danni con l'aggravio delle casse comunali.

Francesco Mezzapelle  

In evidenza