Un aereo italiano della II Guerra Mondiale nel fondale davanti Tre Fontane

La Capitaneria di porto di Mazara ha emanato un’ordinanza con le relative avvertenze e divieti

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
12 Aprile 2021 15:13
Un aereo italiano della II Guerra Mondiale nel fondale davanti Tre Fontane

Un aereo militare italiano risalente alla seconda guerra mondiale si trova inabissato a 34 metri nella zona di mare a circa 1,5 miglia dalla costa della località di Tre Fontane (Campobello di Mazara). Questo è quanto reso noto dalla Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo che ha emanato un’ordinanza ad hoc avvertendo per garantire la sicurezza nella navigazione nell’area (in foto copertina stralcio cartografico indicante il relitto) con . Ecco quanto si legge nell’Ordinanza n. 11/21 firmata in data 09/04/2021 dal comandante, CP Vincenzo Cascio:

Nella zona di mare a circa 1,5 miglia dalla costa di località Tre Fontane (Comune di Campobello di Mazara), in posizione Lat. 37°33.45’N – Long. 012°46.42’E (WGS ’84), giace adagiato su un fondale melmoso di circa 34 metri il relitto di un aereo militare italiano, risalente al secondo conflitto mondiale. Pag. 2 di 3. 

Art. 1 (Divieti) Fino a diversa disposizione, al fine di prevenire potenziali pericoli e garantire la pubblica incolumità, nella zona di mare centrata nel punto di coordinate geografiche Lat. 37° 33.45’N – Long. 012° 46.42’E (WGS 84) ed avente raggio di metri 1000 (mille), meglio indicata nello stralcio cartografico allegato, sono vietati: 1) la sosta e l’ancoraggio di qualsiasi unità o mezzo nautico; 2) la pesca sia professionale che sportiva, 3) le attività balneari e le immersioni subacquee sia in apnea che con dispositivi di respirazione; 4) ogni altra attività che possa recare pregiudizio all’integrità del relitto e del suo contesto o pericolo in relazione al possibile carico pericolo ancora presente a bordo dello stesso o nelle sue vicinanze.

Art. 2 (Eccezioni) Non sono soggetti ai divieti di cui all’articolo precedente il personale ed i mezzi nautici della Guardia Costiera, della Marina Militare e delle Forze di polizia per l’espletamento dei rispettivi compiti di istituto.

Art. 3 (Autorizzazioni) Allorquando sarà accertata l’assenza di materiale pericoloso a bordo del velivolo o nelle sue vicinanze, previo nulla osta della competente Soprintendenza del Mare da richiedere a cura degli interessati, potranno essere autorizzate le seguenti attività: a) immersioni per finalità di ricerca scientifica / archeologica a cura delle Amministrazioni e degli Enti competenti o per loro conto; b) visite guidate subacquee organizzate da Società/Circoli Sportivi/Associazioni/Imprese che prevedano espressamente tale attività nella loro ragione sociale ovvero nel loro statuto e nel rispetto delle discipline di settore.

I richiedenti assumeranno tutte le responsabilità civili e penali connesse con l’attività svolta e saranno garanti che durante le immersioni non vengano effettuate azioni che possano danneggiare, violare o depauperare il relitto e il suo contesto e/o costituire rischio per persone e cose. A conclusione dell’attività autorizzata, essi dovranno fornire alla Soprintendenza del Mare ed a questa Capitaneria di porto una significativa documentazione video-fotografica del relitto, ai fini del monitoraggio del bene nel tempo.

L’inizio ed il termine delle attività autorizzate dovranno essere comunicati con congruo anticipo a questa Capitaneria di porto. L’eventuale rilascio di autorizzazione da parte di questa Autorità Marittima non esime gli interessati dall’obbligo di munirsi di ogni eventuale ulteriore provvedimento autorizzativo di competenza di Amministrazioni o Enti cui la legge riconosca, a vario titolo, specifiche attribuzioni nei settori direttamente o indirettamente coinvolti dall’attività posta in essere Non sono, in ogni caso, consentite immersioni notturne.

Art. 4 (Prescrizioni) E’ fatto obbligo a chiunque di segnalare senza ritardo a questa Capitaneria di porto – Guardia Costiera ed alla Soprintendenza del Mare di Palermo ogni eventuale ritrovamento di materiale di Pag. 3 di 3 interesse storico nell’area, nonché ogni eventuale danneggiamento al patrimonio pubblico storico, artistico sommerso o rinvenuto sul Demanio Marittimo, di cui si è avuta conoscenza.

Art. 5 (Vigilanza) I comandi Navali delle locali Forze di Polizia, nell’esecuzione delle proprie attività operative, sono invitati a voler vigilare sul rispetto della presente Ordinanza. Art. 6 (Disposizioni finali e sanzioni) I contravventori alla presente Ordinanza, salvo che il fatto costituisca diverso illecito e/o reato, saranno puniti ai sensi dell’articolo 1164 (Inosservanza di norme sui beni pubblici) del Codice della Navigazione. Per quanto non espressamente previsto dalla presente Ordinanza, si fa rimando alle norme del Codice della Navigazione e/o altre norme pertinenti, comunque applicabili". 

In evidenza