Quinte classi della "Bonsignore" in via Livorno. La Dirigente spiega le ragioni

Genitori lamentano trasferimento di tre quinte dal plesso centrale e ingresso da via Ivrea.La dirigente Di Rosa risponde

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
11 Settembre 2021 16:42
Quinte classi della

Alcuni genitori di studenti che fra qualche giorno si accingeranno a frequentare la quinta classe elementare del III Circolo Didattico “B. Bonsignore” di Mazara del Vallo si lamentano del fatto che solo pochi giorni fa hanno ricevuto comunicazione dalla Direzione scolastica dello stesso Istituto circa il trasferimento delle tre quinte classi dal plesso centrale di via Emerico Amari alla struttura di via Livorno in dotazione da anni alla stessa scuola. in particolare questi genitori lamentano disagi in quanto non verrebbe garantita quella prossimità casa-scuola alla base della loro scelta di iscrizione allo stesso Istituto; per qualche genitore vi è anche la difficoltà nell’accompagnare un figlio nel plesso centrale ed un altro in quel di via Livorno. 

Altra questione sollevata è quella relativa alla decisione di far entrare gli studenti di queste tre quinte trasferite non dall’ingresso principale di via Livorno bensì da quello di via Ivrea attraversando un’area dalla via Potenza che si troverebbe in stato di degrado, vedi abbandono abusivo di rifiuti, e il cui fondo è in terra battuta con possibili disagi nelle giornate di pioggia.

In merito a tali problematiche abbiamo contattato il dirigente scolastico del III Circolo Didattico “Baldo Bonsignore”, la prof.ssa Serafina Di Rosa, la quale ha spiegato le ragioni alla base del trasferimento delle tre quinte classi dal plesso centrale alla sede distaccata di via Livorno-Ivrea: “innanzitutto premetto che tale decisione non è nuova. Già lo scorso anno in considerazione dell’emergenza covid-19 e per garantire le condizioni anti-assembramento, spostammo le tre quinte nel plesso di via Livorno.

La decisione di confermare anche quest’anno la scelta già operata lo scorso anno è scaturita a seguito delle disposizioni anti-covid che tengono conto della situazione attuale in merito ai contagi. Questo spiega la comunicazione avvenuta circa una settimana fa. Inoltre, fortunatamente –ha sottolineato la Dirigente- siamo una delle poche scuole di Mazara del Vallo ad avere la disponibilità di strutture in modo da garantire le condizioni di sicurezza. Non crediamo che per ragazzi di 10 anni, che l’anno prossimo saranno costretti in ogni modo a spostarsi per frequentare le scuole medie, vi possano essere problemi a percorrere gli 800 metri che separano il plesso centrale da quello di via Livorno.

Se un genitore ha particolari difficoltà logistiche ad accompagnare i figli siamo sempre disponibili a parlarne e a venirgli incontro per risolvere il problema specifico; una soluzione quando si vuole si trova sempre. Inoltre devo ricordare che l’ingresso da via Ivrea è stato deciso per garantire ad ogni classe l’entrata in sicurezza”.

La prof.ssa Di Rosa ha aggiunto: “Con l’occasione abbiamo chiesto ed ottenuto la pulizia e la bonifica dell’area adiacente all’ingresso di via Ivrea e siamo pronti a chiedere al Comune altri interventi per alleviare eventuali disagi; quell’area adesso è riqualificata e potrà essere ulteriormente abbellita. Da un’emergenza, ribadisco, possono nascere nuove opportunità formative. In quel plesso di via Livorno vi erano già due classi di quinta e pertanto adesso tutti gli studenti dell’ultimo anno potranno stare in un’unica struttura che consente anche di sdoppiare le classi garantendo sicurezza.

Inoltre in quella struttura vi è una palestra ristrutturata e nuovi laboratori attrezzati tecnologicamente con la possibilità per gli studenti di fare, come avvenuto per le quinte dello scorso anno, delle nuove e formative esperienze didattiche ed arricchire il proprio bagaglio culturale in vista del successivo percorso scolastico. Ad ogni modo ricordo a tutti i genitori che la sottoscritta ed il suo staff, come già dimostrato ad alcuni genitori, sono disponibili per qualsiasi chiarimento e per la soluzione di problemi ed esigenze specifiche”.

Si, è vero il piazzale raggiungibile da via Ivrea davanti all’ingresso del plesso scolastico è stato in qualche modo ripulito (vedi foto scattata questa mattina) ma servirebbe qualche altro intervento per riqualificare completamente l’area e renderla pienamente usufruibile. Bisognerebbe sistemare il fondo in ghiaia dove si potrebbero formare delle pozzanghere in caso di pioggia. Ulteriore manutenzione andrebbe effettuata sulle palme che delimitano il piazzale e che alla loro base presentano resti di materiale da risulta. Inoltre si potrebbero cancellare alcune scritte esterne alla stessa scuola e dare una passata di colore alle mura di recinzione. Infine sarebbe molto utile, sempre con intervento del Comune, l’installazione di videocamere esterne per potere prevenire l’abbandono abusivo di rifiuti nell’area circostante la scuola e per garantire ulteriore la sicurezza per gli stessi studenti.

Francesco Mezzapelle

In evidenza