Ponte alternativo fiume Arena. Riunione con gli assessori Scilla e Falcone

L’assessore comunale D’Angelo ha ricevuto rassicurazioni per un finanziamento regionale del ponte alternativo

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
02 Dicembre 2021 16:40
Ponte alternativo fiume Arena. Riunione con gli assessori Scilla e Falcone

Un ponte alternativo per collegare il quartiere di Boccarena al resto della Città in considerazione dell’attuale chiusura (dal 9 settembre a seguito ordinanza dell’ex Provincia per la messa in sicurezza delle parti ammalorate del ponte realizzato nel 2002) del ponte sul fiume Arena. Questo l’oggetto dell’incontro tenutosi oggi a Palermo fra l’assessore comunale alle Attività Produttive ed Infrastrutture, Pietro D’Angelo, accompagnato dal consigliere comunale Cesare Gilante, con gli assessori regionali all'Agricoltura e Pesca e alle Infrastrutture, rispettivamente Toni Scilla e Marco Falcone. All’incontro ha partecipato anche il capo del Dipartimento regionale della Protezione Civile, l'ing. Salvatore Cocina. (in copertina foto dell’incontro: da sx Cesare Gilante, Toni Scilla, marco Falcone, Pietro D’Angelo e Salvatore Cocina).

L’assessore D’Angelo ha presentato il progetto preliminare redatto dall’Amministrazione Quinci relativo al ponte alternativo per il quale nei giorni scorsi si è tenuta una conferenza di servizio con l’ottenimento dei pareri favorevoli di Soprintendenza ai Beni Culturali e del Genio Civile; si aspetta il parere dell’Assessorato regionale Territorio e Ambiente e di qualche altro ente.

Sulla questione del ponte alternativo si è impegnato l’assessore Toni Scilla il quale attraverso il collega Falcone ha assicurato, non appena acquisiti tutti i pareri e redatto il progetto esecutivo, un finanziamento immediato di circa 450mila euro dall’Assessorato regionale alle Infrastrutture.

Ricordiamo che per la realizzazione di un ponte alternativo e temporaneo ai primi di novembre il Consiglio comunale di Mazara del Vallo aveva approvato una variazione di bilancio di circa 300mila euro provenienti da compensazioni e risparmi di spese correnti. Ovvio che se confermata la promessa di questo finanziamento regionale questi soldi in cassa del Comune di Mazara andrebbero risparmiati.

Nel frattempo i circa 3000 residenti di Boccarena, come del resto tutta la città, attende il concreto inizio dei suddetti lavori appaltati (con base d’asta di circa 800mila euro) dal Libero Consorzio Comunale di Trapani (l’ex Provincia) e che dovrebbero concludersi entro 300 giorni. Gli stessi residenti lamentano la scarsa sicurezza del percorso alternativo attraverso la SP66 (via Margi), una strada abbastanza pericolosa, nonostante alcuni lavori eseguiti dall’ex Provincia. A tal fine vi è una proposta, inviata agli organi preposti, del consigliere comunale Matteo Bommarito, per la realizzazione con la massima urgenza di una rotatoria in prossimità dell’incrocio fra la SS115 e la SP66 e l’installazione su tutta la via Margi di dispositivi di sicurezza denominati “occhi di gatto” rifrangenti e bifacciali, al fine di garantire la sicurezza sulla viabilità, soprattutto nelle ore notturne in quanto la strada non è per niente illuminata.

Ricordiamo che è al buio anche la SP38 Mazara-Torretta Granitola, guarda caso dopo la chiusura del ponte sul fiume Arena. Sulla questione, come del resto sulle suddette vicende, si registra l’assoluto silenzio da parte del commissario dell’ex Provincia, Raimondo Cerami.

Francesco Mezzapelle  

In evidenza