Mazara, Santa Lucia, cinque messe a San Calcedonio “scrigno” di preziosi stucchi

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
10 Dicembre 2014 10:31
Mazara, Santa Lucia, cinque messe a San Calcedonio “scrigno” di preziosi stucchi

In occasione della festa di Santa Lucia, sabato 13 - per l'intera giornata - rimarrà aperta la chiesa di San Calcedonio (detta anche del Purgatorio) a Mazara del Vallo, che solitamente è chiusa durante tutto l'anno.

Cinque saranno le messe celebrate: alle ore 9 (presiederà il Vescovo), 10, 11, 16,30 e 18,30, quest'ultima presieduta dal Vicario generale don Vincenzo Greco.

La chiesa tre anni addietro è stata restaurata nella facciata esterna e negli stucchi interni. Qui l'umidità aveva anche danneggiato alcune tele, annerendo le pareti e gli stucchi settecenteschi. I lavori hanno consentito anche di eliminare le infiltrazioni d'acqua sulle pareti. Il restauro esterno ha interessato anche il campanile. Delle tre campane storiche, una soltanto - quella centrale e più grossa - era rimasta in funzione. Mancavano, invece, le altre due. Durante i lavori ne sono sistemate due più piccole: una proviene dalla chiesa di San Vito a mare (è datata 1723) e l'altra della chiesa di San Vito in Urbe da dove era caduta insieme al campanile nel Novecento.

Sistemate per decenni in un magazzino, domani le due campane torneranno a suonare. La piccola chiesa - contiene poco più di 150 posti - e viene aperta soltanto in due occasioni annuali: per la Quaresima e per Santa Lucia. La chiesa fu rimaneggiata per volere del vescovo Ugo Papè di Valdina, il cui stemma oggi si può ammirare sul cornicione della navata centrale.

(comunicato)

10/12/14  11,30

{fshare}

In evidenza