Mazara, il Consiglio comunale boccia il “Piano Tari 2017”. Ecco chi ha votato e come

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
29 Marzo 2017 16:40
Mazara, il Consiglio comunale boccia il “Piano Tari 2017”. Ecco chi ha votato e come

In poco meno di mezzora questo pomeriggio, il Consiglio comunale, riunitosi in seduta di prosecuzione ha bocciato il “Piano economico-finanziario della Tari per il 2017 e per la determinazione delle tariffe per il servizio di igiene urbana”. La delibera era stato tanto dibattuta nella seduta di ieri che era stata interrotta a causa della caduta del numero legale al momento della votazione degli emendamenti.

Infatti in aula erano rimasti soltanto 13 consiglieri (gran parte dell’opposizione) sui 16 necessari per la validità della seduta. Probabilmente la maggioranza che sostiene l’Amministrazione Cristaldi aveva già fiutato la possibilità di andare sotto numericamente e di vedere bocciato l’atto).

Ieri sera l’opposizione, con numerosi interventi, ha stigmatizzato l’eccessivo aumento del costo generale del servizio di raccolta rifiuti in città quantificato circa 13 milioni di euro per l’anno 2017. A difendere l’operato dell’Amministrazione, oltre ad alcuni consiglieri i maggioranza, era stato il dirigente del II settore dott.ssa Stella Marino. Comunque, come dicevamo, la delibera (che ha ricevuto parere favorevole dal neo collegio dei revisori e parere contrario dalla l commissione consiliare) è stata messa al voto questo pomeriggio.

La votazione odierna ha avuto, a sorpresa, questo esito: 11 favorevoli e 11 contrari; cioè equivale a bocciatura dell’atto.

Ecco come hanno votato i 22 consiglieri presenti alla seduta di prosecuzione. Hanno votato favorevolmente: Giampaolo Caruso, Stefania Marascia, Viviana Impeduglia, Antonino Zizzo, Luigi Firenze, Giuseppe Tumbiolo, Isidonia Giacalone, Tonia Pernice, Vito Foderà, il presidente del consiglio comunale Vito Gancitano, ed il neo presidente del Consiglio comunale Francesco Foggia; insomma la maggioranza più il Francesco Foggia.

Contrari invece: Giorgio Randazzo, Pietro Ingargiola, Nicola La Grutta, Di Liberti, Pasquale Safina, Giacomo Mauro, Matteo Bommarito, Valeria Alestra, Antonino Gaiazzo, Antonino Arena e Andrea Burzotta.

E adesso? l’atto deliberativo sarà riportato in aula, con alcune modifiche, nei prossimi giorni? Oppure -come sottolineato da alcuni consiglieri dell'opposizione a seguito di quanto scritto nella stessa delibera- "non essendo stato approvato il Pef e non essendo state approvate le tariffe Tari 2017, rimangono le ultime tariffe approvate, ovvero quelle relative al 2014 quando il costo del servizio era stato quantificato in 8.174.890,50 euro? E se valesse quest'ultima tesi la cifrà sarebbe adesso spalmata tenendo conto anche delle 8995 utenze individuate?". 

Francesco Mezzapelle

29-03-2017 18,30

{fshare}

In evidenza