Mazara, è il giovane Fabio Triolo la vittima dell’incidente in via Bessarione ieri sera

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
25 Ottobre 2020 09:05
Mazara, è il giovane Fabio Triolo la vittima dell’incidente in via Bessarione ieri sera

Una giovane vita spezzata da uno schianto violento contro un pericoloso palo di cemento in via Bessarione. Fabio Triolo, classe 1999, era da solo a bordo della sua Panda quando intorno alle ore 23 di ieri sera stava percorrendo l’importante arteria nella direzione dell’incrocio con via del Mare. Ad un certo punto, nel tratto all’incrocio con la via Fiumicino, avrebbe perso il controllo dell’auto, forse un malore o, chissà, un tentativo di evitare un cane, la sua auto è sobbalzata sopra il marciapiedi finendo appunto contro palo accanto ad un muro.

Un impatto violentissimo che non ha lasciato scampo al giovane Triolo. Vani sono risultati i soccorsi del 118. Sul posto sono arrivate pattuglie dei carabinieri, polizia e municipale; la via Bessarione è stata chiusa al traffico per alcune ore per consentire i rilevamenti del sinistro. Sul posto familiari e molti amici di Fabio Triolo (in foto di copertina), 21 anni lo scorso 2 settembre, ragazzo molto conosciuto e lavoratore presso l’impresa di famiglia che si occupa di commercio di materiale edile ed elettrico.

Intorno alle ore una è arrivato il placet del magistrato per il trasporto della salma presso il cimitero di Mazara del Vallo, anche lì si sono registrati strazio ed incredulità per quanto accaduto.  I funerali del giovane Fabio dovrebbero celebrarsi nella giornata di lunedì.  Cordoglio alla famiglia espresso da molti cittadini e pure dal Mazara calcio. Anche la nostra redazione si associa al dolore della famiglia Triolo per la scomparsa del giovane Fabio. La via Bessarione non è nuova ad incidenti stradali, spesso risultati mortali.

In questi ultimi anni diverse vite sono rimaste spezzate percorrendo l’importante arteria che dal quartiere Trasmazaro conduce a Tonnarella. Più volte abbiamo sollevato anche il problema dell’alta velocità che si registra in particolare nel lungo tratto (limite di velocità fissato a 50 km/h) fra i due semafori, quell’incrocio con la via Mario Fani e quello con via del Mare, ed il problema relativo al manto stradale in diverse parti dissestato. Francesco Mezzapelle

In evidenza