Mazara, Degrado ed abbandono di piazza Imam al Mazarì. Disagi per i residenti

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
30 Maggio 2016 13:02
Mazara, Degrado ed abbandono di piazza Imam al Mazarì. Disagi per i residenti

Oggi ci occupiamo di piazza Imam Al Mazarì ubicata nel popoloso quartiere mazarese denominato “Makara”. La piazza è dedicata ad uno dei più importanti mazaresi, un arabo (nato nel 1061) vissuto sotto la dominazione normanna e la cui attività diede lustro alla Città di Mazara del Vallo.

Basti consultare l’enciclopedia multimediale Wikipedia per leggere che “Imam Al Mazarì fu un apprezzato giureconsulto musulmano (faqih) siciliano, appartenente alla scuola giuridica malikita. Spirito colto e poeta di buona qualità, Muhammad al-Māzarī è noto per una fatwa con la quale si autorizzavano i musulmani che vivevano sotto dominazione non musulmana a rimanere a vivere in “dar al-Harb” (territorio non assoggettato all’Islam), a condizione che fosse loro garantito vivere in base alla propria legge, pur se assoggettati al pagamento di imposte e alla lealtà politica verso il signore non musulmano (condizioni queste del tutto coerenti con lo statuto della dhimma imposto dall'Islam ai non musulmani). Nel caso concreto si autorizzavano i musulmani a non lasciare la terra di Sicilia, dominata a quell'epoca dai Normanni”.

L’importanza che ha rivestito Al Mazarì nel processo di multiculturalismo che ha interessato la Sicilia, ed in particolare Mazara del Vallo, stride purtroppo con le condizioni attuali in cui versa la piazza a lui dedicata.

Un cittadino, il nostro lettore Diego Bosco, ci ha segnalato, allegando alcune foto (n.1 e n.2), il degrado ed abbandono della piazza.

Così ha scritto Bosco: "A proposito di periferie ...Piazza Imam al Mazari". Doveva essere ed in parte lo è il centro del quartiere "Makara". Luogo di incontri grazie al Bar ed i servizi che in questa piazza si affacciano, fu senza dubbio un opera di servizio che diede lustro ad una periferia (non così tanto periferia). Il costo fu poco meno di trecentomila euro messi a disposizione dalla cassa depositi e prestiti, comunque a carico della cittadinanza.I marmi bianchi e le aiuole con diversi alberi e piante rendevano al posto una riqualificazione esemplare.

Peccato che adesso ci siamo totalmente dimenticati di questo posto. I vandali (figli di questa città) l'hanno completamente devastata. Non potendo distruggere le panchine, poichè in marmo, le hanno imbrattate con colori spray, distrutti i contenitori rifiuti e hanno pensato bene di riempire le aiuole di rifiuti. Tutt'oggi alcuni giovani la frequentano, poichè esistono anche i "bravi", i buoni che pagano la cattiveria di altri. Ovviamente, se tanto lo si deve ai cosiddetti "incivili", altrettanto grave è la mancanza da parte di chi ne avrebbe dovuto aver cura ed ha disatteso le aspettative.

L'illuminazione è sparita! Le aiuole piene di sterpaglie ed immondizia, sono in bellavista! La pavimentazione è “color chewingum”. I cestini per l'immondizia: uno pieno da anni, l'altro divelto e anch'esso saturo di “rifiuti vintage”. La cosa che davvero stento a capire, è per quale motivo si osanni l'operato della nostra Amministrazione, la quale ha pensato bene di impegnare tante risorse per l'arredo urbano concentrando la sua attenzione nel solo centro storico o in opere nuove ed eclatanti con il monotema delle ceramiche, piuttosto di prendersi cura anche delle opere esistenti.E' vero tanto è stato fatto ...

grandi opere che hanno "lasciato il segno", ma io non credo che basti ciò per la nostra Mazara, che non è una capitale, ma la nostra città è non solo la città da mostrare ai turisti ma anche la città da vivere ogni giorno”.

Al fine di completare la giusta premessa di Diego Bosco ricordiamo che i lavori di rifacimento di piazza Imam Al Mazarì furono avviati, per concludersi in pochi mesi, il 4 giugno 2007. “Fin dall'insediamento l'Amministrazione Macaddino ha lavorato –così si legge in una nota stampa diramata allora dal Comune- affinchè le legittime richieste di cittadini, commercianti ed artigiani del popoloso quartiere Makara potessero avere una risposta positiva con il rifacimento della piazza Imam Al Mazarì, la cui pavimentazione crea pericoli per la pubblica incolumità a causa delle radici degli alberi.

Una piazza importante per la città di Mazara del Vallo, che finalmente sarà rifatta, grazie al progetto esecutivo elaborato dall'architetto Valentica Barracco, approvato dalla Giunta Macaddino con delibera n. 227 del 18.11.2005. Tali lavori, finanziati dalla Cassa Depositi e Prestiti, saranno realizzati dall'Associazione Temporanea d'Imprese Gaudente Antonino con Marino Impianti di Mazara del Vallo, aggiudicataria del pubblico incanto con un ribasso del 7,319% sull'importo a base d'asta di € 233.439,31.

Responsabile unico del procedimento è l'ingegnere Pietro Calandrino, funzionario comunale. I lavori saranno ultimati entro 8 mesi”.

Dell’attuale abbandono e degrado di Piazza Imam al Mazarì si è accorto anche un consigliere della maggioranza che appoggia il sindaco Nicola Cristaldi, è il consigliere Giuseppe Giacalone del gruppo consiliare “Fratelli d’Italia” che lo scorso 2 ottobre presentò una mozione per impegnare l’Amministrazione Cristaldi ed intitolata: “Pulizia e riqualificazione piazza Imam Al Mazarì (Makara)”. Così si legge in essa:

“L’amministrazione sta provvedendo alla pulizia straordinaria di tutto il territorio mediante mezzi all’avanguardia che consentono una rapida diserbatura delle aree soggette a vegetazione erbacea spontanea.Considerato che-Alla luce di quanto sopra riportato, piazza Imam Al Mazari’ dovrebbe essere inserita come priorità assoluta vista la situazione degradante in cui desta la stessa, e visto che la suddetta piazza si trova in prossimità di una scuola e di molte attività commerciali.Constatato cheCome da sopralluogo effettuato e come da foto allegate alla presente, la suddetta piazza appare sotto gli occhi di tutti abbandonata a se stessa, considerando che è ed è sempre stata luogo di ritrovo per tanti giovani anche di diverse culture, di persone che la mattina prima di andare a lavoro sostano nella stessa magari per un caffè per così poi organizzare la giornata, per gli anziani residenti nella zona Makara che con 2 chiacchiere seduti nelle panchine trascorrono intere giornate.Per tutto ciò si impegnaIl Signor Sindaco di Mazara del Vallo e la Giunta Comunale tutta:Ad effettuare dei lavori urgenti nella piazza Imam Al Mazari’ (Makara) al fine di provvedere alla pulizia delle aiuole, alla pulizia del marciapiede affetto da vegetazione erbacea spontanea, alla sostituzione dei contenitori della spazzatura, ed al ripristino dell’illuminazione.

Vogliano i colleghi consiglieri esprimere parere favorevole per la seguente mozione”.

Purtroppo quella mozione non è mai arrivata in Consiglio comunale, non si trova nella lista delle 26 mozioni attualmente iscritte all’ordine del giorno dei lavori consiliari e che saranno discusse nei prossimi mesi.

Abbiamo contattato telefonicamente lo stesso consigliere Giacalone il quale ci ha spiegato: “si, presentai la mozione, poi la ritirai in quanto mi avevano assicurato che l’Amministrazione aveva già programmato degli interventi in quella piazza. In effetti –ha aggiunto- mi risulta che alcuni mesi fa vi fu un’azione di pulizia della piazza, adesso però la situazione sembra peggiore di prima con vegetazione selvaggia ricresciuta e grande degrado. Tornerò nuovamente –ha concluso Giacalone- a ripresentare una richiesta per un intervento immediato anche in vista della bella stagione. Ho un dovere nei confronti di diversi miei elettori che abitano nella zona”.

Francesco Mezzapelle

30-05-2016 15,00

{fshare} 

In evidenza