Mazara, corsa contro il tempo per la differenziata. La Giunta Cristaldi impiegherà anche l’ex immobile, confiscato alla mafia, della “Stella D’Oriente”

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
11 Aprile 2018 12:19
Mazara, corsa contro il tempo per la differenziata. La Giunta Cristaldi impiegherà anche l’ex immobile, confiscato alla mafia, della “Stella D’Oriente”

Attraverso una nota, l’Amministrazione Cristaldi ha annunciato l’avvio della manifestazione d’interesse per l’aggiudicazione dei lavori di messa in sicurezza dell'area confiscata alla mafia "ex Stella d’Oriente"; ricordiamo che lo stesso immobile sarebbe stato offerto alcuni fa, senza successo, agli ortofrutticoli che operavano nell’area dietro lo Stadio “Vaccara”.

“Scade lunedì 16 aprile –si legge nella nota odierna- il termine per la presentazione delle manifestazioni d’interesse per la realizzazione di lavori urgenti per la messa in sicurezza nell’area confiscata alla mafia ora di proprietà comunale “Ex Stella d’Oriente” sulla statale 115. E’ quanto prevede la determinazione n. 255/2018 del dirigente del 3° settore comunale ing. Nicolò Sardo, che è stata pubblicata all’albo pretorio online comunale.

L’Amministrazione intende utilizzare una parte dell’area della Ex Stella D’Oriente per servizi di supporto ambientale e sono necessari interventi di rimozione di pericoli, di sistemazione e recinzione. Vista l’urgenza degli interventi la procedura scelta per la realizzazione dei lavori è quella della procedura di gara mediante avviso pubblico di manifestazione d’interesse, come previsto dalla normativa vigente.

Tutte le imprese in possesso della categoria “OG1 – Edifici civili ed industriali” possono partecipare all’avviso pubblico sia in forma singola che di raggruppamento d’imprese, presentando apposita istanza esclusivamente a mezzo pec all’indirizzo: protocollo@pec.comune.mazaradelvallo.tp.it entro e non oltre le ore 12 del 16 aprile 2018.

Qualora il numero delle manifestazioni d’interesse presentate fosse superiore a 10, si dovrà procedere, per la scelta di 10 manifestazioni d’interesse, ad un sorteggio pubblico che eventualmente si terrà nella stanza del dirigente del settore tecnico, piano primo Palazzo Cavalieri di Malta, alle ore 13 dello stesso giorno di scadenza. I lavori verranno aggiudicati alla manifestazione d’interesse che avrà presentato il prezzo più basso.

L’importo dei lavori è di euro 69.161,51 comprensivo di euro 1.383,23 per oneri di sicurezza oltre Iva al 10%. I lavori avranno una durata massima di 30 giorni”.

A quanto pare l’area che fu della società operante principalmente nel settore ittico, poi confiscata in quanto ritenuta dai giudici un’attività in mano al mandamento mafioso di Mazara del Vallo, dovrebbe essere utilizzata dall’Amministrazione Cristaldi nell’ambito del piano per la raccolta differenziata che dovrebbe partire entro qualche mese e che prevede, secondo quanto stabilito nel PEF della Tari 2018 approvato lo scorso 28 marzo dal Consiglio comunale (da maggioranza più i consiglieri Foggia e Di Liberti) che la raccolta differenziata (ad oggi al 12% circa) tra il 1 giugno e il 31 dicembre 2018, quindi nell'arco di 6 mesi, dovrebbe crescere fino al 65% permettendo un abbassamento della Tassa rifiuti per i cittadini.

Il nuovo “piano di raccolta differenziata” dell’Amministrazione Cristaldi (intitolato “Mazara si differenzia” e che sarà presentato sabato 14 aprile alle 10.30 presso l’Auditoriun “Caruso”) prevede pertanto un salto in alto enorme. Ciò dovrebbe essere facilitato dal nuovo sistema porta a porta di raccolta differenziata in tutto il territorio (così è stato confermato dai vertici dell’Aro comunale) ma anche dall’utilizzo di un tritovagliatore (vedi esempio foto di copertina), un macchinario dal costo di circa 250 mila euro, che il Comune allocherà probabilmente proprio in questo immobile confiscato alla mafia sulla Ss115, e che servirà a selezionare la parte secca e umida dei rifiuti.

Francesco Mezzapelle 

11-04-2018

{fshare} 

In evidenza