Mazara Calcio verso il Marsala con un occhio al mercato. Dopo Seckan e Ms Bah, ci saranno altre partenze?

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
07 Dicembre 2017 21:33
Mazara Calcio verso il Marsala con un occhio al mercato. Dopo Seckan e Ms Bah, ci saranno altre partenze?

Verso il big match con il Marsala al “Nino Vaccara” da quarti in classifica e con ampia fiducia sul futuro. Dopo la vittoria con il Mussomeli è tornato a spiegare le vele verso le alte vette della classifica il Mazara Calcio, che fin qui ha collezionato 24 punti (7 vittorie di cui 3 in trasferta, 3 pareggi e 3 sconfitte) e che dopo qualche risultato negativo ha fatto quadrato intorno al suo allenatore per continuare all’insegna della solidità e della continuità dei risultati cui dopo Licata, Cus Palermo e Mussomeli sembra essere arrivato il primo accenno.

A dar ragione al lavoro di Totò Brucculeri anche i numeri che danno la difesa gialloblù come la seconda del girone con 9 gol, soli 3 in più rispetto alla capolista prossimo avversario e l’essere in piena corsa in Coppa Italia, di cui martedì 12 dicembre alle 16:30, presso il Comitato Regionale Sicilia, si saprà se verrà disputata in casa o fuori la semifinale d'andata con il Licata. La gara con il Marsala rappresenta un importante banco di prova per la truppa canarina, che in piena “giornata gialloblù”, indetta dalla società vista la caratura della partita, cerca il terzo successo consecutivo (quarto nelle ultime 5 partite) che significherebbe -3 dai diretti avversari e che consentirebbe di avvicinare ancora di più le primissime posizioni dove finora lo stesso Marsala e il Dattilo sembrano non sbagliare un colpo e il Licata, nonstante le incertezze delle ultime uscite, resta sempre una delle squadre modello per la corsa alla D.

Marsala, chè stato già battuto ed eliminato nel primo turno di Coppa Italia di quest’anno. La formazione gialloblù continua a lavorare gettando anche un occhio al mercato che da una settimana ha aperto i battenti. Nell’intervista del dopo-gara di domenica scorsa nella rubrica "Ultimo minuto", il presidente Franzone ha parlato di “velleità di mercato da parte di qualche ragazzo”, ma allo stesso tempo: “di essere attenti sul mercato nel rispetto del bilancio e che qualcosina sicuramente arriverà in virtù di un riassetto parziale dell’organico”.

E infatti, dopo Gaetano Dolenti, portiere con esperienza di Serie B e che nell’ultima sfida di campionato ha strappato consensi positivi e che è andato a sostituire il partente Di Carlo, sono arrivati il centrocampista Salvatore Accetta, 23 anni, di ritorno dal Canicattì dopo una felice parentesi agli ordini di mister Nicola Terranova tre stagioni or sono e l'attacante classe '96 Salvatore Maltese, proveniente dall'Avola e scuola Trapani. Ha salutare la compagine gialloblù sono stati Sarjio Seckan, che dopo la gara di Coppa con il Cus Palermo ha alzato i tacchi e che avrebbe scelto di cambiare aria e di trasferirsi ad Acireale, società detentrice del suo cartellino.

Non si capisce cosa abbia spintla punta gambiana ad andar via, una decisione che non sarebbe frutto di un eventuale mancato buon rapporto con il tecnico, visto il suo impiego da titolare nelle ultime uscite, ma soprattutto dopo l’arrivo in gialloblù da pezzo pregiato sul quale la società puntava molto. A pesare sull’economia del rendimento, forse, i pochi gol segnati. Insieme a Seckan, a congedarsi è stato il centrocampista Ms Bah Lamarana, accasatosi al Caltagirone.

Sembrerebbe in odore di partenza anche l’altro gambiano, il centrocampista Gaston Gomez, sul quale avrebbe posto gli occhi il Messina, formazione che milita in Serie D e del quale non ci si spiega un rendimento al di sotto delle proprie possibilità nelle ultime uscite. Sono questi gli effetti delle velleità di mercato cui parlava Franzone? La tifoseria dovrà attendersi altre sorprese? La speranza da parte dei sostenitori, è quella che a prevalere possano essere i nomi in entrata che insieme al confermatissimo Brucculeri, possano far si di comporre un organico in grado di confermare la posizione play off alla fine del campionato, nella speranza che il riassetto di cui parlava il numero uno gialloblù non preveda ulteriori partenze eccellenti.

Tommaso Ardagna

08/12/2017{fshare}

In evidenza