MARSALA- Il Consiglio comunale approva la tassa di soggiorno

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
10 Aprile 2014 15:07
MARSALA- Il Consiglio comunale approva la tassa di soggiorno

Con 18 voti favorevoli su 18 consiglieri presenti, il consiglio comunale di Marsala ha approvato ieri sera, apportando alcune modifiche alle tariffe e ai periodi di soggiorno inizialmente stabiliti dalla giunta municipale, il regolamento per la disciplina dell'imposta di soggiorno (a carico di coloro che alloggeranno nelle strutture ricettive) e la relativa articolazione tariffaria necessaria per reperire i 300 mila euro che il Comune si è impegnato a corrispondere per potenziare l'operatività dell'aeroporto "Vincenzo Florio" al fine di incrementare il numero di passeggeri in arrivo.

Il regolamento, così come modificato con l'approvazione di alcuni emendamenti proposti dalle commissioni consiliari al Bilancio e agli Affari Generali, prevede a partire dalle prossime settimane (entrerà in vigore dopo 15 giorni dalla pubblicazione all'albo pretorio) l'istituzione di una tassa di soggiorno a carico di quanti alloggeranno, fino ad un massimo di cinque pernottamenti complessivi, negli alberghi, agriturismi, campeggi e residence turistico-alberghieri del territorio comunale.

In relazione alle tipologie e nel rispetto del criterio di gradualità, l'imposta sarà: di euro 0,50 (per persona e per notte) per i campeggi; di euro 1 (per persona e per notte) per agriturismi, B&B, casa vacanze, locazioni temporanee di abitazioni ad uso turistico, alberghi ed altre strutture ricettive e similari a 1 stella; di euro 1,50 per alberghi e residence turistico-alberghieri ed altre strutture ricettive a 2 stelle; di euro 2 per alberghi e residence turistico-alberghieri ed altre strutture ricettive a 3-4 stelle; ed infine di euro 2,50 per tutte le strutture ricettive a 5 stelle.

Sono esenti, tra gli altri, dall'applicazione della tassa di soggiorno i residenti nel comune di Marsala, i disabili, gli autisti dei pullman, i familiari di degenti ricoverati presso strutture sanitarie, gli studenti e i partecipanti a progetti e scambi culturali; mentre sono previste riduzioni del 50% per i partecipanti a gite scolastiche, per i gruppi organizzati di ameno 40 persone e per i componenti di gruppi sportivi i minori entro il quattordicesimo anno di età e coloro che soggiornano nei periodi compresi dal 15 gennaio al 15 marzo e dal 15 novembre al 15 dicembre.

"E' il risultato del buon lavoro svolto in Commissione, concluso ieri in Aula con l'approvazione del provvedimento a voto unanime. La tassa di soggiorno –ha dichiarato Ginetta Ingrassia, Presidente Commissione Affari Generali- va nella direzione giusta, non gravando eccessivamente sui visitatori perchè irrisorie sono le somme. Le stesse, però, costituiranno parte delle risorse da investire per la promozione dell'incoming turistico, vale a dire in servizi utili per cittadini e visitatori. Primo fra tutti, lo sviluppo dell'Aeroporto Vincenzo Florio, per il quale l'Amministrazione Adamo ha chiesto da tempo certezze per il futuro, tenuto conto che dal suo sviluppo e da quello del porto passa il rilancio di questo territorio".

Per il resto, dopo un lungo dibattito e dopo avere respinto la pregiudiziale sollevata dal consigliere Michele Gandolfo (che ha lamentato la non presenza in aula di alcun rappresentante della giunta comunale), il consiglio ha approvato la variante urbanistica per il progetto di ampliamento della Cantina vitivinicola "Alcesti srl" e, in chiusura di lavori, altri sei atti deliberativi riguardanti debiti fuori bilancio, precisamente quelli contrassegnati dai punti 27, 28, 29, 32, 33 e 34.

Ancora una volta, ad inizio di seduta, assai numerose le "comunicazioni" dei consiglieri comunali. Il consigliere Giuseppe Carnese ha lamentato l'assenza in aula della stampa, delle tivvù locali che riprendono i lavori consiliari e dei rappresentanti della giunta municipale; ed ha criticato l'iniziativa del consigliere Vincenzo Martinico di convocare per questo pomeriggio (giovedì 10 aprile) un tavolo tecnico sui problemi della sanità visto che allo stesso non sono stati invitati i veri responsabili della "malasanità" in città e in provincia.

Il consigliere Ginetta Ingrassia ha chiarito che il dottore Martinico non ha fatto certamente di testa sua, ma la convocazione del tavolo tecnico è stata una decisione presa all'unanimità dalla Commissione consiliare alla Sanità.

Il consigliere Galfano ha chiesto se è possibile intervenire nelle sedi competenti per riaprire i termini e far si che circa 1000 cittadini residenti a Marsala facenti parte dell'Unione Europea possano votare in occasione delle prossime Elezioni Europee avendo ricevuto solo pochi giorni prima della scadenza del 24 febbraio la lettera in cui potevano scegliere dove esercitare il diritto di voto.

Il consigliere Salvatore Di Girolamo ha comunicato che, grazie al suo interessamento e a quello dell'assessore Antonio Provenzano, verranno piantate a giorni nel perimetro che racchiude il costruendo Monumento ai Mille venti palme tipo Washington di circa due metri d'altezza donate al comune dalla ditta "Vivaio Nicolò Girgenti".

Ancora il consigliere Enzo Russo si è occupato della Fiera di Maggio dicendo che è intendimento dell'Amministrazione Comunale farla svolgere nella zona di Salinella, mentre la competenza per tali decisioni è del Consiglio che non è stato nemmeno interpellato ed ancora una volta, oltre a sottolineare che ancora l'orologio di Palazzo VII Aprile non è stato riparato, ha lamentato che nel centro storico non è funzionante alcun bagno pubblico per i turisti. Inoltre, Enzo Russo ha riferito in aula che, dal 2 aprile scorso, è stata istituita dall'A.C. con delibera di giunta la stazione unica appaltante. A suo dire, giuridicamente, l'istituzione rientra nelle prerogative del Consiglio Comunale.

Infine, il presidente Enzo Sturiano ha informato che è stata appena svolta la gara d'appalto per la riparazione dell'orologio di Palazzo VII Aprile; mentre il consigliere Walter Alagna, nel far proprio l'intervento del consigliere Russo e nel rivendicare l'importante ruolo di quanti siedono a Sala Delle Lapidi, ha ricordato in aula di aver chiesto più volte le dimissioni del sindaco. Solo in questo modo –ha osservato- Marsala potrà avere un progetto innovativo e potrà finalmente cominciare a crescere sul piano economico, sociale e culturale.

10-04-2014 17,00

{fshare}

In evidenza