“Màkari” incanta e chiude col botto, grande successo!

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
30 Marzo 2021 10:04
“Màkari” incanta e chiude col botto, grande successo!

È inutile negarlo: Màkari ci ha tenuto compagnia per tre settimane e adesso che è finita proviamo un vuoto. L’abbiamo criticata, l’abbiamo paragonata a Montalbano e a Don Matteo ma l’abbiamo anche acclamata per la trama leggera, per la fotografia e, soprattutto, per la sigla cantata dal trio Il Volo, così diversa ma senza dubbio meravigliosa. Quello di ieri sera è stato un finale con il botto, appassionando 6.451.000 telespettatori per uno share totale di 26,33 %.

La quarta puntata dal titolo La fabbrica delle stelle è tratta dall’omonimo racconto del siciliano Gaetano Savatteri e racconta un Saverio Lamanna sempre più umano, che non si separa mai dall’amico Piccionello e che è sempre più innamorato di Suleima, tanto da chiederle di sposarlo e di decidere di abbandonare Màkari per una fredda Milano – dove la ragazza ha ottenuto un riscontro positivo da un colloquio lavorativo – per crescere un loro ipotetico figlio. Nella puntata, poi, abbiamo visto un Saverio commuoversi all’abbraccio con il padre e piangere la morte di Gea De Simone, soprattutto per non essere riuscito a difendere la regista di cui era press agent – un lavoro accettato solo per evitare problemi economici –.

Con la fine della fiction, però, abbiamo una sola domanda. E no, non è “Perché Trapani è diventata Palermo?”. Per “fiction”, infatti, si intende la narrazione di eventi immaginari, proprio com’è Màkari. La scelta dell’ambientazione, inoltre, non creerà problemi ad un possibile effetto di cineturismo come, invece, tanti credono. La domanda che, invece, si pongono in tanti è “Ci sarà Màkari 2?”. E non è difficile immaginare un ritorno della fiction, vincitrice di tutte le serate in cui è andata in onda.

Il protagonista Claudio Gioè, che ha tanto amato il suo personaggio – finalmente un po’m diverso dai soliti che interpreta – ha ammesso di non saper ancora nulla sulla seconda stagione e che, per adesso, si gode il successo di una fiction che ha dimostrato di essere d’interesse per il pubblico. E se dalla Palomar e dalla Rai non si sa ancora nulla, è certo che i racconti di Savatteri con protagonista Lamanna non mancano. Potremmo, quindi, tornare molto presto a parlare di questo progetto.

Un progetto che, come recita la sigla, «è casa, è gioia e dolore, questa è la terra mia». Chiara Conticello

In evidenza
Ti potrebbe interessare