Licei mazaresi, l'ex Provincia ha deciso... La politica no. Scelte discutibili

L'Istituto d'Arte trasferito a Campobello di Mazara. Il Commissario Cerami firma il decreto. Il Liceo Classico...

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
19 Luglio 2021 10:55
Licei mazaresi, l'ex Provincia ha deciso... La politica no. Scelte discutibili

In vista del prossimo anno scolastico sembra concludersi, con molti interrogativi per la verità, la cosiddetta “questione Licei mazaresi” (seguita fin dall’inizio dalla nostra redazione), relativa all’individuazione di una struttura per ospitare il Liceo Classico “Adria-Ballatore” e per quello Artistico “Don Gaspare Morello”. 

Alla fine, su decisione del Libero Consorzio Comune di Trapani, è stato immolato il prestigioso Istituto d’Arte (“Don Gaspare Morello”) che sarà trasferito a Campobello di Mazara e lascerà pertanto la sua storica sede di contrada Affacciata (vedi foto copertina). L’Istituto Professionale “Francesco Ferrara” (fino ad oggi sito nei locali privati in affitto di via Mafai) sarà diviso fra la sede centrale dell’Istituto Industriale “R.D’Altavilla” e quella che fino adesso è stata la sede dell’Istituto D’Arte. Le 11 classi del Liceo Classico “Adria - Ballatore” (rimaste nei locali in affitto in via S.M. Giummare) saranno trasferite, insieme a4 laboratori, con la succursale (n. 9 classi + n. 4 laboratori attualmente ubicati presso la sede centrale dell’Istituto “Ferrara”), presso il padiglione 2 del complesso Industriale “R. D’Altavilla” che pertanto sarà soggetto a lavori di ristrutturazione.

Il Commissario Straordinario del Libero Consorzio di Trapani (l’ex Provincia), il dott. Raimondo Cerami, ha infatti firmato lo scorso 7 luglio Decreto 91/2021 con la quale accoglie la proposta del dirigente del “Settore Gestione e Coordinamento Servizi Tecnici e Pubblica Istruzione”, dott. Giuseppe Scalisi, e dalla responsabile del servizio, dott.ssa Loredana Cantalicio, ed avente oggetto “Aggiornamento del Piano di razionalizzazione degli immobili ad uso scolastico, comprensorio di Mazara del Vallo. Modifica della delibera Commissariale n. 28 del 10/2/2020”.

Permangono interrogativi sull’effettiva capacità politica di evitare che l’Istituto d’Arte, dedicato a “Don Gaspare Morello” che tanto si adoperò per realizzare diverse scuole a Mazara del Vallo, fosse trasferito a Campobello di Mazara, e che i restanti Istituti superiori dovessero dividersi in più sedi distaccate. Ci si aspettava certamente qualcosa in più in considerazione dei canali politici che legano da qualche anno a questa parte il Comune di Mazara del Vallo al Governo della Regione Siciliana.

Era anche prevedibile che la soluzione paventata di destinare alcuni edifici ad oggi occupati da scuole medie a nuova sede per il Liceo classico potesse trovare ostacoli e forti opposizioni dei cittadini considerato che queste scuole sono radicate socialmente nei quartieri (il discorso qui si farebbe lungo…). Si ha la sensazione che si è perso del tempo utile piuttosto che ricorrere al canale politico che lega rappresentanti locali direttamente all’attuale assessore regionale all’Istruzione e Formazione Professionale, Roberto Lagalla.

Ecco il testo della proposta poi decretata dal commissario Cerami attraverso la quale viene ripercorso in sintesi la stessa “questione dei Licei mazaresi” e la soluzione adottata.

"Premesso che:

  • con Deliberazione n. 98 del 28/12/2018 adottata dal Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale, il Libero Consorzio Comunale di Trapani, ha 2 approvato il piano di razionalizzazione degli immobili ad uso scolastico, nel quale è stata prevista la necessità di procedere all’esercizio del diritto di recesso dei contratti di locazione passiva per l’Ente al 31/7/2019 relativi ad immobili ad uso scolastico su tutto il territorio provinciale;
  • - al fine di garantire il diritto allo studio, è stato in quella fase previsto: 1. l’utilizzo di edifici scolastici di proprietà parzialmente occupati; 2. il ricorso ai doppi turni delle lezioni negli edifici scolastici di proprietà.

    Per il comprensorio di Mazara del Vallo e Campobello di Mazara in tale provvedimento è stato previsto che la succursale dell’Istituto “Ferrara” venisse trasferita presso la struttura scolastica di proprietà del LCC sita in c.da Affacciata in prossimità della sede centrale, in cui oggi ha sede l’Istituto Regionale d’Arte che, a sua volta, avrebbe trovato allocazione nella struttura presente nel Comune di Campobello di Mazara, già adibita a sede dell’allora Istituto per Geometri “R. Altavilla - V.

    Accardi”. Inoltre, il Liceo “Adria - Ballatore avrebbe trovato definitiva allocazione presso L’I.I.S.S. “F. D’Aguirre - D.Alighieri” di Salemi sito in via S. Leonardo ”, non insistendo nel Comune di Mazara altre strutture di proprietà del LCC. La tempistica per l’attuazione del piano era determinata dai lavori necessari per la ristrutturazione e rifunzionalizzazione degli edifici interessati;

  • con delibera del Commissario Straordinario n. 28 del 10/2/2020, a seguito della disponibilità manifestata dal Sindaco del Comune di Mazara, è stata approvata la parziale modifica del superiore provvedimento che prevedeva l’acquisizione dell’immobile comunale denominato “La Grassa” - possibile destinazione quale sede del Liceo Classico Adria – Ballatore” (Locazione Ditta CELI s.r.l.

    per n.11 classi – n. 4 laboratori e per n. 9 classi e n.1 laboratorio attualmente ospitato dall’Istituto Superiore Ferrara). Tale acquisizione restava subordinata all’esito delle verifiche sismiche che avrebbero consentito all’Ente di operare la scelta ottimale tra i diversi investimenti. Inoltre, si è anche previsto l’acquisto dell’immobile TE.CO. s.r.l., attuale sede della succursale dell’I.I.S. “ F. Ferrara” - fermo restando l’acquisizione del parere igienico sanitario per uso definitivo ad attività scolastica in conformità ai parametri del D.M.

    18/12/75 richiesto alla ditta proprietaria - in quanto tale acquisto avrebbe permesso l’eliminazione definitiva, già a partire dal mese di aprile 2020, di una parte dei fitti passivi a partire dall’anno scolastico 2020/2021 per il complessivo importo annuo pari ad € 434.706,30:

  • Preso atto

    - del parere negativo espresso dal Dipartimento di Prevenzione della Salute U.O. Distrettuale d’Igiene Pubblica sull’immobile di proprietà della ditta TE.CO. s.r.l., da eventualmente acquisire al patrimonio dell’Ente con destinazione a sede di scuola superiore di II grado, in quanto non rispondente ai parametri di cui agli standards di cui al D.M. 18/12/75 ( prot.n. 6699 del 24/2/2020 e prot.n. 8853 del 3/3/2020);

    - della nota prot.n. 13208 del 14/4/2020 con la quale il LCC - nel trasmettere al Comune di Mazara del Vallo la deliberazione n.28 del 10/2/2020 congiuntamente al parere espresso dall’ASP relativamente all’immobile TE.CO.

    – ribadendo che l’acquisizione dell’immobile “La Grassa” ai sensi dell’art. 8 dell’ex L.23/96 – previo esito positivo delle verifiche sismiche per l’effettuazione dei lavori di adeguamento funzionale a cura e spese di questo Ente - permetterebbe la definitiva allocazione del Liceo Classico “Adria – Ballatore”, ha chiesto anche la collaborazione per l’ulteriore acquisizione di spazi didattici sì da eliminare definitivamente gli ulteriori restanti costi di fitti passivi nel territorio interessato; - della nota prot. n. 26895 del 27/4/2020

    – acquisita al protocollo dell’Ente al n. 14303 di pari data – con la quale il Sindaco del Comune di Mazara del Vallo ha subordinato la disponibilità dell’immobile “G. Grassa”, per ospitare le classi del Liceo, all’effettuazione – a spese del LCC – anche dei lavori di adeguamento dell’edificio scolastico di via Gualtiero (sede centrale dello stesso Istituto), ai costi di trasloco, nonché ai costi per la mobilità degli studenti dalla zona Trasmazzaro a via Gualtiero;

    Dato atto che

    - con nota prot. n. 14505 del 28/4/2020, in riscontro alla superiore nota l’Ente consortile si è reso disponibile ad un sopralluogo per le opportune valutazioni tecnico/economiche dei lavori da eseguire presso la sede centrale dell’Istituto in questione;

    - a seguito del sopralluogo congiunto, effettuato in data 4 maggio 2020, l’importo dei lavori stimato per entrambi gli immobili comunali ospitanti l’Istituto “ La Grassa” è risultato pari a circa € 580.000,00; - dopo attenta e ponderata valutazione il LCC, essendo venuta meno anche la possibilità di procedere all’acquisto dell’edificio di proprietà della ditta TE.CO. srl.- attuale sede della succursale dell’I.I.S. “ F. Ferrara”

    - si è reso disponibile oltre che ad affrontare la spesa delle opere edilizie di adeguamento necessarie per permettere di dare definitiva sistemazione al Liceo Classico “Adria Ballatore” – al momento in affitto in Via Madonna delle Giummare, in immobile di proprietà della Ditta CELI s.r.l. - presso l’immobile comunale denominato “G. Grassa” di via Vaccara, anche di farsi carico dei lavori di rifunzionalizzazione degli spazi didattici della sede centrale di quest’ultimo Istituto sito in Via Gualtiero, subordinando tale possibilità all’acquisizione – ai sensi dell’art.8 dell’ex L.23/96- dell’edificio sito in Via Sacco e Vanzetti (Mazara 2), già utilizzato come sede scolastica primaria.

    Tale richiesta, scaturisce dal fatto che gli spazi didattici presenti nell’immobile dell’Istituto “La Grassa” di via Vaccara, non soddisfano appieno il fabbisogno necessario per l’eliminazione dei fitti passivi. Preso atto del riscontro pervenuto dal Comune di Mazara del Vallo – Uff. di gabinetto prot. 33722 del 27/5/2020 , acquisito al prot. dell’Ente al n. 17489 di pari data – che oltre a ribadire quanto già manifestato in precedenza, ha rappresentato l’impossibilità ad accogliere la richiesta inoltrata dal LCC, in quanto gli immobili siti in Via Sacco e Vanzetti (Mazara 2) sono stati oggetto di finanziamento per la realizzazione di un progetto volto ad altra destinazione;

    Preso atto che dall’esito di ulteriori incontri istituzionali si è rilevato l’impossibilità a definire il percorso intrapreso con l’Amministrazione Comunale sia per l’ insufficienza di spazi didattici presso altri edifici comunali che per le intervenute esigenze manifestate dal Sindaco in ordine all’utilizzazione dei superiori immobili;

    Tenuto conto, che in assenza di prospettive attendibili, l’Ente consortile, confermando l’intendimento di non protrarre oltre ogni ragionevole necessità la conduzione in locazione di immobili a destinazione scolastica, intende completare il programma di attuazione del piano di razionalizzazione degli immobili scolastici previsto con la Deliberazione n. 98 del 28/12/2018 relativamente al comprensorio in argomento, come di seguito specificato e meglio argomentato nell’allegata Relazione tecnica predisposta dal Responsabile dal Servizio Tecnico Edilizia, Gestione Beni Immobili Patrimoniali;

    Ritenuto, pertanto, sulla scorta degli esiti di cui sopra e delle soluzioni definitive da realizzare, necessario aggiornare il piano di razionalizzazione confermando la cessazione delle locazioni al termine della scadenza o prima di tale data sulla scorta degli esiti delle verifiche sismiche necessari per programmare i lavori di rifunzionalizzazione degli spazi didattici da adattare ai nuovi indirizzi scolastici e precisamente:

  • L’Istituto Regionale d’Arte – n.14 classi – n.7 laboratori – trova allocazione nella sede staccata di Campobello di Mazara I.T.G.

    “V. Accardi” dell’I.I.S. “Ferrigno” di Castelvetrano ; 

  • L’Istituto Professionale “Francesco Ferrara” succ. via Mario Mafai (ditta TECO S.r.l.) – n. 25 classi – n. 11 laboratori – trova allocazione in parte presso la sede centrale dello stesso Istituto (al momento occupato per n. 9 classi dal L.C. “Adria Ballatore” ) e per le restanti classi e laboratori presso l’ Istituto Regionale d’Arte sito in c.da Affacciata in prossimità della sede centrale dell’Ist.

    “Ferrara”;

  • Liceo Classico “Adria - Ballatore” via S.M. Giummare. (ditta CELI S.r.l.) – n. 11 classi – n. 4 laboratori – e succursale attualmente ubicata presso la sede centrale dell’Istituto “Ferrara” (n. 9 classi + n. 4 laboratori) – trova allocazione presso il padiglione 2 del complesso Industriale “R. D’Altavilla”.
  • Incaricare il Settore Gestione e Coordinamento Servizi Tecnici e Pubblica Istruzione di dare attuazione all’adozione dei rispettivi adempimenti previsti per legge, in virtù del presente atto; Riservarsi di apportare modifiche al presente piano in presenza di eventuali interventi finanziari concessi dalla Regione Sicilia, ovvero della conclusione di nuovi accordi con il Comune di Mazara del Vallo per l’utilizzazione di edifici ad uso scolastico ai sensi della citata L. n. 23/1996 o di altra soluzione organizzativa che si renderà migliorativa e più funzionale…" 

    Francesco Mezzapelle 

    In evidenza