Consiglio comunale: gli allagamenti in Città, la Tia 2012, il Pudm ed il “Carnevale 2018”. Ancora “niet” per nuovo rifornimento in via Bessarione

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
08 Febbraio 2018 09:46
Consiglio comunale: gli allagamenti in Città, la Tia 2012, il Pudm ed il “Carnevale 2018”. Ancora “niet” per nuovo  rifornimento in via Bessarione

Doveva essere il tema principale della seduta di ieri del Consiglio comunale, purtroppo la sua trattazione è stata rimandata a causa della mancata presentazione di una relazione da parte degli uffici comunali di competenza; ci riferiamo al “Progetto per la realizzazione di un impianto di Distribuzione Carburanti e gas naturale (metano) da realizzarsi nella via G. Bessarione, in Mazara del Vallo, comportante variante allo strumento urbanistico, ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. n. 160 del 07/09/2010” iscritto al terzo punto dell’ordine del giorno della seduta.

Ma non sono mancati i temi e gli argomenti trattati in aula, e neanche qualche alterco fra consiglieri, tutti dell’opposizione, a parte Francesco Foggia (PSI) che ancora, una volta ha dimostrato di essere soltanto apparentemente all’opposizione ma concretamente funzionale alla maggioranza consiliare ieri rappresentata da pochi elementi e soprattutto silente (non è una novità) agli attacchi dell’opposizione all’Amministrazione del sindaco Nicola Cristaldi (nessuno si ricorda più l’ultima apparizione del primo cittadino al massimo consesso civico: anche questo è forse un segnale del distacco nei confronti della città?).

Ma riavvolgiamo il nastro della seduta consiliare iniziata con un’ora di ritardo, cioè alle 16,30. All’appello del presidente Vito Gancitano erano presenti in 19 consiglieri su 30. La seduta è iniziata con un rapido intervento di Giorgio Randazzo (Diventerà Bellissima) che ha chiesto la sospensione dei lavori in attesa che arrivasse un rappresentante della Giunta. Finalmente alle 16,50 si è presentato l’assessore Vito Ballatore, che ha la delega ai rapporti con il Consiglio, così la seduta è ripresa con lo spazio dedicato alle interrogazioni e comunicazioni.

Nicola La Grutta (M5S) ha preso la parola interrogando l’Amministrazione su diverse questioni. La prima quella relativa agli avvisi di accertamento, arrivati in questi giorni a molti cittadini mazaresi, in merito alla TIA del 2012. La Grutta non si è si espresso in merito alla loro presunta inesigibilità trascorsi i 5 anni ma ha focalizzato il suo intervento sul fatto che a fronte di una tariffa dovuta a molti cittadini è arrivata una sanzione molto più alta; ha portato l’esempio di un cittadino la cui TIA da pagare è 76 euro con l’aggiunta di 500 euro anche per mancata denuncia di un immobile. La Grutta ha così chiesto all’Amministrazione di portare in aula un provvedimento al fine di consentire ai cittadini mazaresi di poter usufruire della rottamazione bis delle cartelle esattoriali con l’abbattimento delle sanzioni in quelle cartelle relative al Comune.

Sempre La Grutta ha chiesto all’Amministrazione di adoperarsi sul “testamento biologico” per istituire, a seguito recente approvazione della legge nazionaleun ufficio comunale che accolga le dichiarazioni dei cittadini (in altre città è già stato fatto).

Infine il consigliere del M5S ha sollevato il problema degli allagamenti sparsi in tutta la città a causa della pioggia ma soprattutto della cattiva manutenzione delle strade e dei tombini. La Grutta ha evidenziato in particolare l’annoso caso della via Sanremo per la quale aveva avuto rassicurazioni dal dirigente comunale Ing. Sardo per un intervento preventivo che però non vi è stato.

Pasquale Safina (Pd) è intervenuto in merito alla questione della ancora mancata adesione del comune alla "rottamazione bis delle cartelle": “in Commissione –ha detto- abbiamo pronto un atto da proporre al II settore comunale ma aspettiamo che la dirigente Stella Marino, più volte contattata, abbia qualche minuto per incontrarci. Il Comune ha detto fino a fine febbraio per potere consentire ai cittadini la rottamazione anche delle cartelle comunali.

Pietro Ingargiola (indipendente ma nuovamente vicino all’Amministrazione Cristaldi) ha evidenziato il problema, chiedendo un intervento, della mancata illuminazione pubblica della via Bessarione nel tratto che va dall’incrocio con la via Fani a via del Mare.

Stefania Marascia (indipendente ma aderente alla maggioranza consiliare) ha proposto di alternare i sensi di marcia in alcune arterie del primo tratto di via Salemi per favorire la circolazione soprattutto nei casi di pioggia incessante che provoca l’allagamento della stessa via d’ingresso alla Città.

Duro l’intervento di Giacomo Mauro (Pd) che ha accusato la Giunta di non aver ancora approvato il Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo (PUDM). “Mancano pochi mesi all’arrivo della nuova stagione balneare e si rischia –ha sottolineato Mauro (in foto nel corso di un intervento nella seduta di ieri)- ancora una volta che alcuni lidi non possano essere montati. Poi si parla di turismo? Sono i fatti che contano. Il comune di Mazara del vallo in questi anni è stato commissariato in diversi ambiti, ricordo PRG, Piano Commerciale e per ultimo il rendiconto di esercizio, saremo commissariati anche per il PUDM?

Giorgio Randazzo (Diventerà Bellissima) ha prima riletto una sua recente interrogazione in merito all’assegnazione dei boxes del “mercato del porto nuovo” ad imprese non operanti nel settore agro alimentare, poi ha centrato il suo intervento sulla manifestazione organizzata dall’Amministrazione per il carnevale. “Rispettiamo e plaudiamo il fine dell’iniziativa organizzata quest’anno insieme all’Associazione Abilmente Uniti ma perché -ha chiesto Randazzo- l’Amministrazione non ha preso in considerazione la proposta pervenuta dal Comitato Carnevale Mazarese che ha organizzato negli ultimi anni la sfilata dei carri allegorici? Si potevano fare le due cose insieme. Forse qualcuno non è amico di questo Comitato. Se è così è vergognoso”.

L’interrogativo della mancata sfilata dei carri allegorici è stato sollevato anche da Valeria Alestra (Udc).

All’interrogazione sul "Carnevale 2018" di Randazzo invece dell’Amministrazione è intervenuto veementemente il consigliere Francesco Foggia (quando si dice “excusatio non petita, accusatio manifesta”) che ha difeso le scelte della Giunta Cristaldi: “visto che al proposta del Comitato era pervenuta ad ottobre, perché i consiglieri comunali non andavano mesi fa a chiedere all’Amministrazione la stessa cosa? I carri erano pronti per il Carnevale? Quest’anno si sono unite 11 associazioni e si è scelto di fare un carnevale per il sociale. Randazzo è nuovamente intervenuto chiedendo il perché sulla questione sia intervenuto proprio il consigliere Foggia.

Successivamente è intervenuto l’assessore Ballatore che ha soprattutto parlato del problema degli allagamenti in città a causa della pioggia. L’Assessore ha sottolineato che il sindaco Cristaldi si è attivato, stando in giro per la Città, nel corso della bomba d’acqua caduta sul territorio, e avrebbe rifiutato l’offerta del prefetto di far intervenire altri mezzi di emergenza per veicolarli in altri luoghi dove più necessari. L’Amministrazione –ha annunciato Ballatore- farà un avviso ai cittadini per la presentazione di perizie tecniche per l’accertamento dei danni subiti a causa il maltempo.

Finite le comunicazioni, si è passati al terzo punto relativo all’istanza di variante al Piano Regolatore comunale per la realizzazione nella via Bessarione di un impianto di carburanti e gas naturale (metano) presentata al Comune l’8 ottobre 2014 dal sig. Vito Grafato in qualità di amministratore unico della Soc. Gravil Business srl con sede a Mazara del Vallo. La trattazione dell’atto è stata però sospesa in attesa che giunga al Consiglio comunale una relazione, richiesta nella precedente seduta consiliare, da parte del responsabile dell’Ufficio comunale SUAP, l’arch. Antonia Russo.

La seduta è proseguita con l’approvazione di tre debiti fuori bilancio a seguito di alcune sentenze avverse al Comune promosse rispettivamente da Sicilia Turismo srl, da un privato (Rà Vincenzo +1) e dalla Pinta e Zottolo Spa.

E’ stata approvato anche il punto 7 relativo all’ "Aggiornamento del costo di costruzione ai sensi dell’art. 17 comma 12, della L.R. 16/04/2003 n.4 per l’anno 2017,da applicarsi dal 1 gennaio 2018. In pratica si chiedeva ai consiglieri di approvare l’aumento del 0,97% del suddetto costo adeguandolo all’aumento del costo della vita secondo indici statistici. Il punto, una sorta di atto dovuto, è stato approvato; contrari soltanto La Grutta, Safina e Randazzo.

Infine il Consiglio ha proceduto alla sostituzione dell’ex consigliere comunale Teresa Diadema come componente della Commissione per l’aggiornamento degli elenchi comunali dei giudici popolari, al posto della Diadema è stata nominata Valeria Alestra (in foto n.2 con il presidente Gancitano al termine della seduta). La seduta consiliare è stata chiusa.

All’ordine del giorno rimangono alcuni punti, fra i quali diverse mozioni, presenti ormai da mesi. Ne ricordiamo alcune?

MOZIONE: Interventi urgenti al fine di un’immediata riapertura della Biblioteca Comunale.

MOZIONE: Stato di Calamità Naturale e misure di sostegno per le Aziende Agricole.

MOZIONE: Installazione nelle varie piazze cittadine di quadri elettrici e punti luce comunali.

Francesco Mezzapelle

08-02-2018 

{fshare}

In evidenza