"Non facciamo filosofia" parte stasera il webinar di Giacomo Bonagiuso

Cinque incontri on-line con eminenti accademici per curare la nostra anima

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
28 Ottobre 2021 09:40

Un webinar di filosofia per provare a capir meglio se stessi, ma non come cattedratici che debbono trasmettere il sapere, ma quasi una chiacchierata tra amici per avere cura della nostra stessa Anima. L’idea non poteva che essere del poliedrico Giacomo Bonagiuso, regista, drammaturgo, scrittore, compositore e docente di filosofia ed etica che ha deciso di lanciare on line un piccolo viaggio alla scoperta e riscoperta della filosofia, che si arricchisce anche nel suo sviluppo del contributo di illustri amici accademici, e che conta su una platea davvero stimolante e qualificata.

Si comincia questa sera, per chi ancora non si fosse iscritto potrà farlo con un messaggio wathsapp al 347.4587137, ed avrà tra i relatori eminenti accademici del panorama italiano e internazionale: i proff. Emilio Baccarini filosofo, docente a Roma Tor Vergata, che ci aiuterà a comprendere il confine tra metafisica e religione, Giuseppe Craparo, psicologo, docente della UniKore, che ci aiuterà a dipanare il nodo gordiano della psiche e Nuccio Mula, docente dell'Accademia di Agrigento, illustre critico d'arte, che ci aiuterà a comprendere la questione estetica nella contemporaneità e lo stesso Bonagiuso per la questione etico-antropologica .

“Per trovare qualcosa bisogna cercarla; e per cercarla bisogna saperla cercare. La cultura non è una esibizione pubblica ma un "modo" segreto. E questo bisogna già impararlo sui banchi, o nei lunghi apprendistati da ricercatore, che sono perenni, e mai paghi di domande e di risposte- afferma Bonagiuso ai nostri microfoni- Ormai tutti gli strumenti che cercavamo negli scaffali (quasi tutti) possono essere recuperati in rete. Il problema resta quello di saperli utilizzare, sapere che esistono e sapere che possono servirci.

Stiamo cercando un "certificato di nascita" per una parola che fonda la nostra amica "filosofia", secondo Platone e Aristotele, così da poter aprire il nostro webinar "Una filosofia a portata d'anima"- continua Bonagiuso-Stiamo seguendo, però, le piste di una parola "equivoca", che i primi filosofi attribuiscono alla filosofia, ma che già altre scritture, prima, avevano utilizzata... Una parola, come tante, che però può evocare il cielo ma anche scomodare gli abissi. E una volta trovate piste nelle fonti e nelle parole abiamo il dovere di TRADURRE ciò che sfioriamo, a misura di ogni anima.

Altrimenti avremmo fallito il nostro compito.”

Foto gallery
In evidenza