Campobello, il futuro dell’ospedale Abele Ajello di Mazara al centro della seduta del Consiglio Comunale

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
04 Novembre 2016 12:38
Campobello, il futuro dell’ospedale Abele Ajello di Mazara al centro della seduta del Consiglio Comunale

Il futuro dell’ospedale Abele Ajello di Mazara del Vallo e la possibilità di dotare la struttura dei reparti di radioterapia complessa e di oncologia dipartimentale semplice sono stati i temi affrontati durante la seduta straordinaria e aperta del Consiglio comunale di Campobello, che si è tenuta ieri mattina nell’aula consiliare del Municipio.

Hanno preso parte alla seduta il vicesindaco di Campobello Antonella Moceri, il dr. Nicolò Di Giovanni, già primario di Cardiologia del nosocomio mazarese, Girolamo Pipitone del Centro Studi La Voce, la presidente del comitato spontaneo “Pro Radioterapia” di Mazara Marilinda Ingrande e i consiglieri comunali di Mazara del Vallo Giovanni Iacono e Francesco Foggia.

L’argomento è stato introdotto in aula dal consigliere Vincenzo Giardina, primo firmatario della proposta. Il consigliere mazarese Foggia ha rappresentato l’importanza della tematica, che interessa tutto il territorio trapanese, mettendone in evidenza i vantaggi in termini sociali, morali ed economici, oltre che sotto il profilo della Salute Pubblica, mentre il dr. Di Giovanni ha messo in evidenza la necessità di proporre alle istituzioni competenti la classificazione dell’ospedale “Ajello” quale struttura di primo livello anziché come struttura di base al fine di dare un senso anche alla grande opera di riqualificazione che è stata fatta.

Alla fine, dopo un lungo dibattito che ha trovato piena condivisione da parte di tutti i consiglieri comunali, non potendo deliberare in adunanza aperta, dopo una conferenza dei capigruppo, il Consiglio comunale si è impegnato a proporre un ordine del giorno da trattare in una prossima seduta al fine di deliberare un atto d’indirizzo per chiedere al Governo Regionale di qualificare l’ospedale mazarese “struttura di primo livello”, condizione quest’ultima preliminare affinché possa ospitare al suo interno un polo d’eccellenza, quale potrebbe essere il reparto di radioterapia complessa.

In conclusione dei lavori, il vicesindaco Antonella Moceri ha dichiarato: «L’Amministrazione comunale di Campobello c’è, è presente all’iniziativa di oggi così come è sempre stata particolarmente sensibile alla problematica che, purtroppo, interessa ogni giorno sempre più famiglie della nostra città».

Anche il sindaco Giuseppe Castiglione, che non ha potuto essere presente alla seduta a causa di impegni istituzionali, ribadisce il suo sostegno a tutte le iniziative finalizzate ad assicurare la tutela della salute e il benessere dei cittadini, considerato che il bacino d’utenza dell’ospedale di Mazara si estende anche al territorio di Campobello.

Comunicato stampa4/11/2016{fshare}

In evidenza