Video – Rubrica “Un libro sotto l’ombrellone”: recensione “Stoner” di J. Williams

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
07 Agosto 2020 12:02

Leonarda Paladino e Maria Elena Bianco presentano “Stoner” di J. Williams John Edward Williams è stato un romanziere e poeta statunitense, vincitore di un National Book Award per la narrativa nel 1973. Autore di numerose opere letterarie. Pubblica per la prima volta nel 1965 il  romanzo "Stoner". È possibile scrivere un romanzo su un uomo di mezza età senza ambizioni, sogni e avvenimenti degni di nota? È possibile che un con queste premesse John Williams abbia creato un vero capolavoro?In un articolo sul New York Times del 2007, Morris Dickstein definì Stoner «qualcosa di più raro di un grande romanzo­: è un romanzo perfetto, così ben raccontato e scritto con grazia, così profondamente commovente, da togliere il fiato».  Cameron nella prefazione del libro scrive :"la verità è che si possono scrivere libri bruttissimi sugli argomenti più avvincenti e bellissimi su quelli che non promettono nulla di buono." Un racconto ricco di dettagli.

Dove viene descritto il mondo universitario e la storia degli Stati Uniti nei primi anni del secolo. Madre, moglie, figlia e amante ruotano intorno al protagonista il prof. Stoner che, nonostante nutra amore nei loro confronti, non riuscirà ad instaurare rapporti soddisfacenti con nessuna. "Si ritrovava a chiedersi se la sua vita fosse degna di essere vissuta. Se mai lo fosse stata. Sospettava che alla stessa domanda, prima o poi, dovessero rispondere tutti gli uomini. Ma si chiedeva se, anche agli altri, essa si presentasse con la stessa forza impersonale." Il professore è un incompreso, ma è anche un uomo che subisce gli eventi senza nemmeno provare a cambiarli .

“C’è un po di Stoner in ognuno di noi”, in determinati periodi della nostra vita. Stoner ha un'unica certezza è come folgorato dal suo amore per la letteratura. "L’amore per la letteratura, per il linguaggio, per il mistero della mente e del cuore che si rivelano in quella minuta, strana e imprevedibile combinazione di lettere e parole, di neri e gelidi caratteri stampati sulla carta, l’amore che aveva sempre nascosto come se fosse illecito e pericoloso, cominciò a esprimersi dapprima in modo incerto, poi con coraggio sempre maggiore.

Infine con orgoglio." Chi ama la letteratura, le storie intense scritte con grande maestria, fatte di dettagli che all'apparenza possono anche sembrare insignificanti e i romanzi di formazione, non potrà restare indifferente di fronte alle gesta di questo antieroe per eccellenza. Video:

   

In evidenza
Ti potrebbe interessare