Ultime della sera: “Due anni”

Grazie a tutti gli attori de “Le ultime della sera”

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
04 Dicembre 2021 19:00
Ultime della sera: “Due anni”

Mi è capitato di rileggere un articolo che ho scritto a fine maggio dell’anno scorso, eravamo da poco usciti dal lockdown totale, infatti dal 9 marzo tutta l’Italia era stata dichiarata dal Governo Conte zona rossa, iniziando timidamente a riaffacciarsi alla vita dopo il ponte del Primo Maggio, il titolo dell’articolo era semplicemente “Grazie…” ed iniziava così “Questo pomeriggio davanti a questo foglio bianco non ho voluto, come è mio solito fare, scrivere un articolo per poi trovare un titolo appropriato, ma ho voluto fare al contrario.

Il titolo di questo articolo è grazie. Se volessimo ragionare sulla sua etimologia; grazie è il plurale di grazia (dal latino gratia) dai significati variegatissimi fra cui amicizia, favore, piacevolezza, leggiadria, gratuità, e non ultimo gratitudine; infatti a sua volta deriva da (gratus) grato.

Una mole di qualità e sentimenti positivi assolutamente fuori dal comune si concentra in questa parola assolutamente comunissima. Pronunciarla, anche sola, ha l'effetto proprio di sferrarla completamente in tutta la sua massa, svincolata, liberandola in ogni sua articolazione. Quando si pronuncia un grazie, davanti anche al gesto più minuto, perfino anche solo dinanzi all'intenzione, vi si appone un inestimabile marchio di valore, che nobilita oggetto e soggetto, un marchio intrecciato, complesso, consapevole - simbolo, segno e vessillo insieme di favore amicale, di bellezza e piacere, di gentile e autentica riconoscenza, insomma di quella gratitudine sentita che è propria di chi sa l'intima statura delle cose, l'altezza vertiginosa a cui quel valore, riconosciuto, si eleva.

Diremo “ma in fondo è solo un grazie, no?” forse è solo un grazie ma che riesce a rendere le azioni più importanti e le relazioni più significative.”

Ed era l’incipit per ringraziare gli autori dei 132 articoli che a quella data avevano animato la rubrica “Le ultime della sera” di Prima Pagina Mazara, anche se in realtà fin dall’esordio che ricordo è avvenuto il 2 dicembre 2019, e quindi proprio in questi giorni festeggiamo il nostro secondo anno di attività, ogni domenica mattina mi piace ringraziare nel mio post su Facebook, tutti quelli che hanno scritto durante la settimana citando il titolo dei loro articoli, e pubblicando quasi sempre l’articolo del sabato all’interno del post.

Ricordo anche che facemmo un articolo celebrativo scritto con il contributo di tutti per festeggiare il primo anno di attività, ed abbiamo anche realizzato un libro che raccoglie tutti gli articoli pubblicati il primo anno.

Ed allora in attesa di realizzare il secondo libro che raccoglierà tutti gli articoli che abbiamo scritto in questo secondo anno di attività ininterrotta che ha visto crescere numericamente e qualitativamente la redazione di “Amici di Penna” continuo a ringraziare tutti per il tempo che dedichiamo alla nostra rubrica e per le responsabilità che ci assumiamo come scrivevo in quell’articolo del 30 maggio 2020:

“Sicuramente il peso della responsabilità di pensare e scrivere è stato suddiviso fra i tanti amici che hanno voluto contribuire, chi con uno chi con tanti articoli, ma questo poco importa, chi ha fatto più e chi meno; quello che importa che tante gocce hanno contribuito a questo fiume di parole di scorrere serenamente almeno fino ad oggi”.

E concludo ringraziando ancora una volta il mio amico Gaetano Lamia, editore di Prima Pagina Mazara, che ci permette da oltre due anni di esprimerci liberamente, il direttore Francesco Mezzapelle che con i suoi consigli ha fatto si che la rubrica seguisse la linea editoriale che è fatta di comunicazione non ostile, Salvatore Piombo e Vito Caronna che puntualmente ogni sera pubblicano i nostri articoli.

Grazie…

di Francesco SCIACCHITANO

La rubrica “Le ultime della sera” è a cura della Redazione Amici di Penna.

Per contatti, suggerimenti, articoli e altro scrivete a: amicidipenna2020@gmail.com

In evidenza