Sicilia zona gialla? Domani il verdetto ma pesa la situazione vaccini

Nonostante i numeri confortanti difficilmente l'isola riuscirà a tingersi di giallo

Claudia
Claudia Parrinello
06 Maggio 2021 16:28
Sicilia zona gialla? Domani il verdetto ma pesa la situazione vaccini

Domani la Sicilia conoscerà il suo destino. La regione diventerà zona gialla o rimarrà per un’altra settimana zona arancione? Il monitoraggio sull'andamento della pandemia di domani, venerdì 7 maggio, non dovrebbe apportare molte novità: la maggior parte dell'Italia dovrebbe rimanere in zona gialla e nella fascia a basso rischio potrebbe rientrare la Sicilia. La regione, quindi, potrebbe finalmente tingersi dello stesso colore di gran parte d'Italia anche grazie ai numeri confortanti degli ultimi giorni.

A pesare, però, sulla decisione sarà anche la situazione vaccini. Nonostante gli open day e il lavoro incessante in tutti gli hub e centri vaccinali, la campagna procede a rilento. L’immunizzazione dei cittadini è uno dei parametri per l'assegnazione delle fasce e il fatto di essere ancora indietro potrebbe far slittare la zona gialla al 17 maggio. Per accelerare il passo da stasera tutti i soggetti compresi nella fascia d’età tra i 50 e i 59 anni potranno prenotarsi.

Le somministrazioni, effettuate con il siero di AstraZeneca, cominceranno da giovedì 13 maggio e seguiranno l’ordine di prenotazione.

Sull’eventuale zona gialla il governatore Musumeci è scettico. «La Sicilia rischia di rimanere in arancione", ha detto ieri. «Temo che il dato di Palermo condizioni tutta la regione».

Insomma, a decidere saranno i numeri di domani. Intanto a sperare nella zona gialla sono i ristoratori e i lavoratori dei comparti che sono attualmente chiusi per Covid indignati, soprattutto, dalle immagini dei festeggiamenti in piazza Duomo dei tifosi dell’inter che hanno rappresentato uno schiaffo morale non solo a chi non lavora da mesi ma anche a tutti coloro che ogni giorno rispettano le regole sperando di uscire presto da questo tunnel.

I dati di domani ci mostreranno anche un quadro relativo alla riapertura degli stabilimenti balneari attualmente fissata, con ordinanza di Musumeci, al 16 maggio. «Tuttavia- ha dichiarato Musumeci- se i dati dovessero essere rassicuranti, potremmo disporre di anticipare la apertura».

In evidenza