Tempo di ristrutturare la casa, in che momento è meglio farlo?

In questo articolo parleremo di quando è meglio eseguire alcuni tipi di lavori di ristrutturazione...

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
16 Giugno 2022 17:10
Tempo di ristrutturare la casa, in che momento è meglio farlo?

Ristrutturare la casa può essere un ottimo modo per portare una ventata d’aria fresca allo spazio e aggiungere valore, ma può anche essere un vero e proprio grattacapo. Dalla ricerca dell'impresa giusta all'incontro con i vicini infastiditi da tutti i rumori, sono molte le sfide che si presentano con i lavori di ristrutturazione.

In questo articolo parleremo di quando è meglio eseguire alcuni tipi di lavori di ristrutturazione e di come evitare di infastidire i vicini, scegliendo le fasce orarie migliori.

Ristrutturare casa: meglio in estate o in inverno?

Se vi state chiedendo se i lavori di ristrutturazione della vostra casa debbano essere eseguiti in estate o in inverno, non siete i soli. È una domanda comune che ha molte risposte diverse a seconda del progetto specifico. Ad esempio, se si tratta di lavori idraulici o elettrici, in genere si consiglia di aspettare che il freddo sia passato per evitare il rischio di congelamento di tubi e cavi. Oppure, durante i mesi estivi conviene concentrarsi su aspetti come la ristrutturazione del bagno, il cambio degli infissi e dei serramenti e i lavori da effettuare nelle aree esterne della casa, come il giardino, il balcone e il terrazzo (oltre agli interventi sul tetto). Chiaramente, se si deve affrontare una ristrutturazione importante suddividerle i lavori sarà impossibile e si potrebbe incorrere in problemi a livello di vivibilità.

Detto ciò, l'estate è il periodo migliore anche per rivedere l’impianto di riscaldamento, dato che non c’è necessità di accenderlo e non si rischia di restare al freddo. Per quanto riguarda la caldaia, questo momento è ideale per sostituirla o per procedere alla sua manutenzione. Si può anche pensare di rinnovare il termostato della caldaia che, come spiegano le pagine di settore, può determinare un’ottimizzazione dei consumi. In inverno, invece, conviene concentrarsi sugli interventi più impegnativi. Il caldo potrebbe infatti mettere a dura prova la resistenza degli operai, che invece lavoreranno meglio senza essere stremati dalle alte temperature. Inoltre, di inverno è più semplice trovare ditte immediatamente disponibili a iniziare i lavori.

Giorni della settimana e orari

Qui purtroppo è molto difficile indicare con precisione gli orari, dato che sono in via teorica vincolati al regolamento condominiale, valido nel momento in cui viene approvato dall’assemblea, e alle disposizioni comunali, che possono cambiare da città a città. Generalmente i lavori edili vengono concessi dalle ore 8 fino alle 13, e poi dalle 16 fino alle 20, ma in certe situazioni gli operai iniziano a lavorare già dalle 7 del mattino, prolungando le operazioni fino alle 14.

Sempre in via teorica non si dovrebbero effettuare lavori rumorosi il sabato e la domenica, ma anche in questo caso spesso la regola resta scritta solo sulla carta, e non applicata nella pratica. Certo, conviene sempre rispettare sia gli orari previsti per legge, sia i propri vicini di casa o inquilini del condominio. I lavori di ristrutturazione, infatti, possono creare parecchi dissapori interni e lamentele, ed è meglio evitare di rovinare i rapporti con il vicinato. In secondo luogo, è giusto avvertire per tempo gli inquilini dello stabile dell'inizio dei lavori, magari affiggendo un foglio informativo in bacheca, o contattando personalmente i vicini.

Comunicato Spagna

In evidenza