Premio “P. Mattarella” per il romanzo “La Cala” di Peppe Ciulla e Catia Catania

Secondo premio nella sezione giornalismo d’inchiesta per il libro sul sequestro di 108 giorni dei pescatori mazaresi

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
22 Maggio 2022 10:08
Premio “P. Mattarella” per il romanzo “La Cala” di Peppe Ciulla e Catia Catania

È stato un grande onore per noi e per “La Cala” essere premiati - secondi - nella sezione giornalismo d'inchiesta del premio dedicato alla memoria del Presidente della Regione Sicilia ucciso dalla mafia, Piersanti Mattarella. Premio che arriva proprio nei giorni in cui si celebrano i trent'anni della strage di Capaci. Proprio ieri il giudice Falcone, la moglie, gli uomini della scorta sono stati ricordati durante il convegno dal titolo "Recuperare il senso del dovere" dagli illustri relatori.

Abbiamo dedicato questo premio ai pescatori di Mazara, perché non debbano più subire altre ingiustizie e umiliazioni mentre vanno per mare compiendo il proprio dovere di padri e di lavoratori”. Questo quanto ha dichiarato questa mattina Catia Catania, coautrice insieme al giornalista, anch’egli mazarese, Peppe Ciulla, del romanzo “La Cala” che racconta la prigionia di 18 pescatori di Mazara del Vallo per 108 giorni nelle carceri di Bengasi (Libia). 

Il romanzo, edito da Bompiani, ieri pomeriggio a Roma, presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio, nel corso della serata finale premio giornalistico/letterario "Piersanti Mattarella" ha ricevuto un riconoscimento come secondo classificato nella sezione giornalismo d’inchiesta. Dopo la premiazione Peppe Ciulla (in foto con Catia Catania nel corso della premiazione) ha così commentato: “Le persone e le loro storie contano. La storia dei pescatori di Mazara e delle loro famiglie, la loro lotta indomita, i sacrifici, quello che hanno passato e i rischi che ancora corrono, ecco tutto questo merita di essere conosciuto, diffuso, raccontato.

Se con Catia Catania riusciamo a farlo anche nel contesto di un premio così importante per la storia della nostra terra allora è il segno che questo libro era necessario. Grazie al popolo del mare, a Mazara, a chi ci ha aiutato a realizzarlo”. A nome dell’intera redazione di Primapagina complimenti a Peppe Ciulla e Catia Catania.

Francesco Mezzapelle 

In evidenza