Mazara, Furto alla farmacia di via Madonna del Paradiso. Microcriminalità dilagante in Città

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
26 Ottobre 2014 10:00
Mazara, Furto alla  farmacia di via Madonna del Paradiso. Microcriminalità dilagante in Città

Un furto studiato nei minimi dettagli quello avvenuto nel primissimo pomeriggio di ieri in una farmacia ubicata all'inizio di via Madonna del Paradiso: rubati soldi, un pc e perfino l'impianto di videosorveglianza. I ladri, probabilmente la stessa

banda che sta mettendo a ferro e fuoco gran parte del centro storico, hanno aspettato, organizzati con basisti, che i proprietari lasciassero la farmacia (vedi foto) per andare a pranzo, era circa le 14,15, per entrare in azione.

Da un'abitazione abbandonata della parallela via Mons. C. Valenti i criminali raggiunto un pozzo luce ed attraverso una grata si sono introdotti dentro la farmacia. In cassa hanno trovato del denaro. Non sappiamo quanto hanno prelevato, ma erano certamente spiccioli. Poi hanno messo a soqquadro la stessa farmacia, hanno preso un pc.

Ma ciò che più impressiona è il fatto che gli stessi hanno asportato l'intero impianto di videosorveglianza sapientemente celato, ciò a dimostrazione, qualora ve ne fosse ancora bisogno, che questa banda è ben organizzata e prima di agire studia gli esercizi commerciali presi di mira.

Già nell'ultimi due anni i residenti fra via Madonna del Paradiso, via Roma e strade limitrofe lamentano una recrudescenza di microcriminalità: scippi, furti, qualche auto incendiata e qualcuna anche rubata. Microcriminalità che si registra sempre in diverse zone della città ed in periferia, un ultimo caso si è registrato sempre ieri in contrada Santa Maria dove ladri hanno letteralmente svaligiato la villa di un privato.

Diciamo la verità, le forze dell'ordine con penuria di uomini e mezzi non possono controllare ed essere presenti in più punti dell'esteso territorio comunale. Servirebbe a questo punto una task force con l'invio sul campo di nuove forze, magari giovani, che possano impegnarsi esclusivamente a sgominare l'organizzazione criminale. Nel frattempo si aspetta che la città venga dotata di videosorveglianza: sono previste 32 telecamere dislocate in diversi punti strategici della città, potranno, si spera, che facilitare il compito delle forze dell'ordine, ma basteranno contro una microcriminalità dilagante?

Francesco Mezzapelle

26-10-2014 10,45

{fshare}

In evidenza