Mazara del Vallo nella prossima puntata de “Il Provinciale” in onda su Rai2

Federico Quaranta nella puntata di sabato 17 aprile parlerà della Provincia di Trapani e delle sue “contaminazioni”

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
14 Aprile 2021 10:17
Mazara del Vallo nella prossima puntata de “Il Provinciale” in onda su Rai2

La Città di Mazara del Vallo, la sua kasbah ed il suo mare, saranno protagonisti della prossima puntata, sabato 17 aprile, della trasmissione “Il Provinciale” in onda su Rai2 alle 17.10. “Il Provinciale”, programma settimanale condotto dal giornalista Federico Quaranta, sbarca nella provincia di Trapani che ha conosciuto la contaminazione di molti popoli nel corso dei millenni: dal popolo indigeno degli Elimi, ai Fenici, dai Greci ai Romani, dagli Arabi ai Normanni.

Federico Quaranta, insieme all’autore Andrea Caterini, alla regista Manola Romizi e alla curatrice della trasmissione, Simona Fuso, supportati da diversi tecnici, sono stati nei giorni scorsi a Mazara del Vallo, la città più musulmana d’Italia, dove è presente dalla fine degli anni Sessanta una grande comunità tunisina che è riuscita a integrarsi con quella locale grazie al lavoro comune nei pescherecci. Fra gli intervistati anche il nostro direttore Francesco Mezzapelle che in qualità di sociologo ha spiegato i diversi ambiti di integrazione. (in foto da sx Andrea Caterini, Federico Quaranta, Manola Romizi, Simona Fuso, Francesco Mezzapelle e l’armatore mazarese Alessandro Giacalone).

Nella puntata in onda sabato 17 aprile alle 17,10 su Rai 2, Federico Quaranta inizierà il suo viaggio dall’area archeologica di Segesta, dove, oltre a un tempio e a un teatro greco-romano, sono presenti i resti di un’antica moschea. È Segesta probabilmente la città che meglio sintetizza la stratificazione di questi numerose civiltà che hanno abitato l’isola. Passando per Erice, sospesa sul monte che porta il nome stesso della città e che in tempi antichi veniva considerato sacro, Federico Quaranta proseguirà il suo viaggio verso il mare, andando a scoprire come le contaminazioni, in Sicilia, non siano qualcosa che appartiene solamente al passato, ma anche al presente.

Pertanto Quaranta si sposterà a Mazara del Vallo. Attraversando il Golfo di Trapani, poi, lo stesso giornalista andrà a scoprire la più importante delle Egadi, ovvero la splendida isola di Favignana, entrando nelle cave di calcarenite, dove si lavorava già in epoca romana, e nel vecchio stabilimento di produzione del tonno. Le cave e la tonnara, fino a non molti anni fa, erano la maggiore fonte economica dei favignanesi. Il viaggio proseguirà poi a Marsala, visitando le sue suggestive saline, e proseguirà con una barchetta a remi che porterà Federico a Isola Lunga, un’oasi naturalistica di grande fascino, concludendosi all’Isola di Mozia, riscoperta da un archeologo inglese agli inizi del Novecento ma sulla cui piccola superficie i Fenici, nell’VIII secolo a.C., fondarono una fiorente città; un luogo dove si può ammirare uno dei tramonti più belli d’Italia.

In evidenza