Mazara, alla casbah reparti speciali dei Carabinieri: operazione anti-criminalità o anche altro?

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
07 Aprile 2015 14:59
Mazara, alla casbah reparti speciali dei Carabinieri: operazione anti-criminalità o anche altro?

Molti cittadini che nel primo pomeriggio hanno attraversato a piedi o in auto piazza Regina e via Gian Giacomo Adria non hanno potuto non notare un massiccio dispiegamento di carabinieri in tenuta speciale. A bordo di cinque Subaru modello Forester sono scesi da Palermo una ventina di uomini della Sezione Operativa. In molti si sono chiesti della presenza di tutti questi militari che scesi dalle auto hanno iniziato

ad addentrarsi dentro i vicoli della casbah facendo controlli e chiedendo documenti ad immigrati e non. Insieme a loro alcuni uomini della Compagnia dei Carabinieri di Mazara del Vallo il cui Comandante cap. Fabio Manzo, contattato telefonicamente ci ha confermato che il dispiegamento di tutti questi militari è stato richiesto dalla stessa Compagnia per controllare il territorio a seguito dei recenti fatti di microcriminalità: scippi, furti, rapine etc...

Certamente la presenza di tutti questi Carabinieri (vedi foto n. 1 e n.2) ha fatto scalpore. Normale pensare ad un collegamento all’attività in corso in tutta Italia per lo smantellamento di qualche cellula dell’Isis, o per l'individuaizone di aspiranti combattenti dello stato islamico che sta seminando il terrore in Medioriente Africa settentrionale così come in Europa. Ovvio pensare che lo stato d’allerta e l’attività delle forze dell’ordine e dei servizi segreti sia stata avviata anche nel sud Italia, in quelle realtà dove è forte la presenza di immigrati di religione musulmana. Naturale pensare quindi che lo stesso valga per Mazara del Vallo.

Questa massiccia presenza di forze dell’ordine non si registrava nella stessa zona di piazza Regina dal pomeriggio dello scorso 13 marzo quando all’interno di un’abitazione inabitata di una casa al civico 24 di via abate Calia, strada che da piazza Regina porta nel cuore della casbah, fu scoperto un cunicolo di un circa 2 metri di diametro e profondo circa 7 metri che terminava in uno spazio di circa 3 metri quadri. Sul posto intervennero la Polizia, altre forze dell’ordine e vigili del fuoco che con la propria attrezzatura esplorò il cunicolo fino alla fine. Non si è mai saputo cosa trovato al suo interno ma l’abitazione in questione rimane sotto sequestro da parte della sezione investigativa della Polizia.

Francesco Mezzapelle

07-04-2015 16,45

{fshare}

In evidenza