L’opposizione interviene su questione del punto nascite dell’Ospedale “ Ajello”

L’opposizione evidenzia anomalie nella comunicazione fra il presidente del Consiglio comunale e il sindaco Quinci

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
11 Aprile 2021 09:21
L’opposizione interviene su questione del punto nascite dell’Ospedale “ Ajello”

Ieri sera abbiamo ricevuto una nota stampa firmata dai consiglieri dell’opposizione in Consiglio comunale (Pietro Marino, Antonio Colicchia, Enza Chirco, Maurizio Pipitone, Girolamo Billardello, Antonella Coronetta, Giorgio Randazzo e Gioacchino Emmola) in merito alla questione relativa al punto nascite dell’Ospedale “A. Ajello” di Mazara del Vallo. Ecco il testo della nota:

Oggi a Mazara la politica anziché dare soluzioni crea solo confusione! Quello successo oggi sui social è davvero paradossale, il Presidente del Consiglio pubblica un post dove afferma che l’ospedale di Mazara è stato privato da un momento all’altro del punto nascite, sempre nello stesso post, interroga il direttore dell’ASL sulle motivazioni che hanno indotto l’Azienda Sanitaria alla chiusura del reparto, e come se fosse ospite alla famosa trasmissione degli anni 60’ LASCIA O RADDOPPIA, chiede informazioni sul reparto cardiologia.

Dopo un paio d’ore il Sindaco Salvatore Quinci, pubblica un altro post per rassicurare la cittadinanza che il reparto nascite resta dov’è. Alla luce di tutto quanto le considerazioni sorgono spontanee: 1) Il responsabile della sanità a Mazara del Vallo è il Sindaco o il Presidente del Consiglio? 2) Che figura ci facciamo noi mazaresi quando il Presidente del Consiglio fa un’affermazione ed addirittura interroga l’ASP per poi essere smentito dal Sindaco; 3) E’ chiaro che c’è una totale mancanza di comunicazione tra il primo cittadino e il presidente del consiglio comunale; 4) Pur di avere 15 minuti di notorietà (come diceva Andy Warhol) si pubblicano notizie che incendiano i social per poi magari ergersi come salvatori della patria o meglio del reparto nascite.

In tutta questa vicenda ha del paradosso la dichiarazione di rassicurazione del sindaco avvenuta poco dopo le ore 16. Il sindaco dichiara che ha avuto rassicurazioni dal commissario Zappalà, a questo punto dato che la nota che ha assegnato i reparti di pediatria e ginecologia di Castelvetrano a Mazara del Vallo è stata protocollata alle ore 13:39 Il quesito sorge spontaneo: Il sindaco ha veramente parlato con Zappalà? È mai possibile che lo stesso Zappalà rassicurando il sindaco non lo abbia informato della nota protocollata dalla stessa ASP qualche ora prima? Noi stessi dell'opposizione già alle ore 14 eravamo a conoscenza dell'atto aziendale che chiudeva questa triste vicenda.

5) Sempre sui social apprendiamo che l’attuale vice sindaco che fino a qualche tempo fa era per la chiusura totale delle scuole e del mondo intero, ora pubblica un post dove chiede che le palestre, le piscine e tutto il mondo deve riaprire. ADESSO BASTA, stiamo facendo cadere questa città nel ridicolo più assoluto. Mazara del Vallo la città delle campagne elettorali ETERNE I consiglieri di Opposizione” 

In evidenza