L’Italia rivela risultati dei controlli su alimenti e bevande

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
04 Aprile 2020 08:14
L’Italia rivela risultati dei controlli su alimenti e bevande

La maggior parte dei problemi che si riscontrano nel nostro paese riguardano alimenti (di origine animale) e bevande che spesso hanno rilevato un tasso di non conformità. Nel 2018, su quasi 50.500 campioni di prodotti alimentari da tutte le fasi della catena di approvvigionamento e circa 130.000 analisi condotte nell'ambito dei controlli ufficiali,   quasi 1.500 hanno rilevato un tasso di non conformità all'1,14%. Oltre 78.000 controlli sono stati effettuati per motivi microbiologici, principalmente per la Salmonella, seguiti da Listeria ed E.

coli, tra cui E. coli (STEC) che produce tossine Shiga. Anche Vibrio, Campylobacter, Norovirus, Yersinia enterocolitica e Cronobacter sakazakii erano parte dei test.  Attività sono state coordinate dal Ministero della Salute. Un totale di 1.314 non conformità sono state riscontrate principalmente per E. coli, incluso STEC, seguito da Campylobacter, Listeria e Salmonella. La più alta percentuale di irregolarità ha riguardato problemi microbiologici nella carne, nel pesce e nei prodotti lattiero-caseari.

Irregolarità microbiologica anche piatti pronti per il consumo. Per quanto riguarda gli allergeni: su 2.342 controlli, 39 hanno mostrato non conformità. Le categorie di alimenti con la maggiore non conformità sono carni e prodotti derivati, cereali, piatti compositi, prodotti dolciari e spezie. La maggior parte dei test per gli elementi chimici riguardava metalli pesanti con 59 su 21.518 analisi irregolari. Per i contaminanti organici come diossine, PCB, 3-MCPD e altri, su 20.161 test analitici 29 non erano conformi.

Quasi 160.000 spedizioni d'importazione sono state oggetto di  controlli ufficiali, di cui circa due terzi erano alimenti di origine non animale. Per questo tipo di cibo, che ha riguardato 106.116 spedizioni, sono stati prelevati 3.781 campioni e 214 sono stati respinti. Da questi campioni sono state effettuate 5.204 analisi per Salmonella, aflatossine e pesticidi.

I controlli sugli scambi di prodotti di origine animale hanno comportato il rigetto di 49 articoli su 7.658 lotti controllati. Rifiuti principalmente legati a molluschi bivalvi per norovirus, prodotti della pesca per parassiti, metalli pesanti o microrganismi patogeni e pollame per la salmonella. Le 38 unità dei Carabinieri NAS hanno effettuato oltre 50.000 controlli. Hanno trovato non conformità nei settori della ristorazione, della farina, del pane e della pasta e dei prodotti lattiero-caseari.

Le indagini hanno portato all'arresto di 13 persone per crimini tra cui la vendita di alimenti nocivi pericolosi per la salute pubblica o in cattive condizioni. Sono stati sequestrati quasi 24 milioni di kg e litri di cibo e bevande. Anche le unità NAS locali facevano  parte di una serie di operazioni riguardanti vino, alimenti biologici e frutta e verdura. Nel gennaio 2018, NAS Florence ha ritenuto cinque persone responsabili della commercializzazione del vino contraffatto aggiungendo acqua con più di 800 bottiglie sequestrate.

Un mese dopo, il NAS Lecce ha interrotto un'operazione di adulterazione del vino che consisteva nell'aggiunta di zucchero ed altri additivi proibiti al vino. A maggio, il NAS Bologna ha sequestrato 7.000 chilogrammi di materie prime e integratori alimentari, alcuni dei quali erano scaduti, valutati a € 200.000. Altri articoli come gli ortaggi sono stati sequestrati per mancanza di informazioni sulla tracciabilità o sull'etichettatura che induceva in errore il consumatore sul luogo di origine.

Nel 2018 la Guardia di Finanza, un'unità responsabile delle indagini sui reati finanziari e di contrabbando, ha sequestrato oltre 1.384 tonnellate di prodotti agroalimentari e 207.000 litri di liquidi. I prodotti sequestrati includevano uva parzialmente fermentata, vino e spumante, alcolici e non bevande alcoliche e frutta.

Un'operazione ha comportato il sequestro di 13.812 bottiglie di prosecco con etichette di origine falsa. Il carico, trovato all'interno di un camion dalla Grecia e diretto in Francia, portava le parole "Prodotto d'Italia" sulla confezione e "Vino d'Italia" e "Prodotto d'Italia" sulle bottiglie. Controlli documentali hanno rilevato che tutte le merci trasportate erano state prodotte con uve coltivate in Bulgaria. Un' altra operazione di rilievo si  è avuto sull'olio. E' stata rinvenuta  una grande quantità di olio con una falsa indicazione di origine nel marzo 2018.

Il carico sequestrato consisteva in 18.000 confezioni di olio di semi di girasole, ovvero 22.880 litri, prodotto in Bulgaria ma con due bandiere italiane sulle etichette delle bottiglie. I controlli si sono estesi anche al batterio Clostridium botulinum, meglio conosciuto come Botulino. L'Italia ha inviato 398 notifiche tramite il sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi nel 2018. I prodotti di origine italiana sono stati coinvolti in 156 segnalazioni e 86 di queste sono state sollevate da un altro paese.

Le non conformità riguardavano principalmente mangimi, frutta e verdura, carne esclusi il pollame e cereali. Questi erano principalmente dovuti alla contaminazione microbiologica, come Salmonella, Listeria ed E. coli, ma anche allergeni e corpi estranei. Nel 2018 sono stati pubblicati 209 richiami alimentari italiani sul sito web del Ministero della Salute. Nel frattempo, l'Italia è il paese europeo con il più alto numero di casi di botulismo, secondo il National Reference Center for Botulism (CNRB).

Dal 1986 a giugno 2019, 342 segnalazioni di botulismo confermate in laboratorio, che coinvolgono 501 persone. Il botulismo è una condizione rara ma pericolosa per la vita causata dalle tossine prodotte dai batteri botulinici del Clostridium. Nel botulismo di origine alimentare, i sintomi generalmente iniziano tra le 18 e le 36 ore dopo aver mangiato un cibo contaminato. Tuttavia, possono iniziare non appena sei ore dopo o fino a 10 giorni dopo. Dopo un periodo di incubazione compaiono sintomi come nausea, vomito, diarrea e forti dolori muscolari; seguono importanti problemi neurologici, secchezza delle fauci e delle vie respiratorie, alterazioni visive, disturbi della fonazione e della deglutizione.

Il rapido aggravamento delle già precarie condizioni generali può portare a morte per paralisi respiratoria e conseguente asfissia. Le persone che riscontrano questi problemi devono rivolgersi immediatamente al medico. Il botulino può essere sconfitto con  facilità, purché vengano adottate una serie di regole comportamentali durante la preparazione e la conservazione dei cibi. La tossina èinattivata dal calore, dall'ossigeno e dall'acidità. Le sue spore, però, sono molto resistenti al calore.

Quindi sarà necessario far bollire il contenuto e ripastorizzare il contenitore a non eno di 80° per al almeno 20-30 mimuti. Alte concentrazioni di sale, zucchero, aceto risultano efficaci. Elena Manzini

In evidenza