La Sicilia all’Expo 2015 di Milano. Presentazione a Palermo

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
14 Novembre 2013 18:18
La Sicilia all’Expo 2015 di Milano. Presentazione a Palermo

La Sicilia ha presentato la propria partecipazione all'interno di Padiglione Italia durante l'Expo che si svolgerà a luglio ed agosto del 2015. L'ufficializzazione è arrivata durante il quarto seminario

territoriale di progettazione partecipata di "Casa Italia", che si è svolto il 12 novembre a Palermo ai cantieri culturali della Zisa. La partecipazione prevede un investimento da parte della Regione di 2 milioni di euro e sarà mirata all'internazionalizzazione e promozione dei rapporti istituzionali dell'isola. Durante l'Esposizione Universale del 2015 a Milano, la Sicilia sarà protagonista di un fitto calendario di appuntamenti ed eventi organizzati all'interno dei numerosi spazi espositivi di Padiglione Italia in modo da mettere in contatto i propri territori con tutti i Paesi che prenderanno parte al grande evento.

"Nutriamo il mondo" è il titolo del padiglione "bio-mediterraneo" organizzato dalla Regione Sicilia. L'accordo sarà firmato nei prossimi giorni da Diana Bracco, presidente di Expo 2015 e commissario generale del Padiglione Italia; Giuseppe Sala, commissario unico per Expo Milano 2015, Linda Vancheri, assessore regionale alle Attività produttive, e Dario Cartabellotta, assessore regionale alle Risorse agricole e alimentati.

"La terra –ha detto Dario Cartabellotta- è l'elemento fondamentale dell'Expo 2015, questo è il concetto del "born in Sicily" e ciò attraverso la riscoperta della nostra identità mediterranea attraverso i nostri prodotti".

Così Linda Vancheri (vedi foto) : "l'Expo deve rappresentare un cambiamento culturale ed uno strumento per il riposizionamento competitivo, a livello globale, delle imprese locali siciliane"; l'assessore regionale alle attività produttive ha inoltre sottolineato la necessità di sburocratizzare alcuni processi per rappresentare la meglio le tipicità mediterranee".

Roberto Arditti, direttore Affari istituzionali Expo 2015 ha evidenziato alcuni dati. All'Expo parteciperanno 139 nazioni, sono previsti circa 20 milioni di visitatori. "Superato il paradigma energetico, il nuovo paradigma del secolo riguarda l'agroalimentare. Dopo 109 anni l'Expo torna in Italia, nel 1906 a Palermo.

Il tema del "vivaio" è stato illustrato da Marco Balich, direttore artistico del Padiglione Italia, magari facendo leva su forze imprenditoriali giovanili: "i contenuti devono guardare sia all'unicità che alla molteplicità: il giovane pescatore di Mazara del Vallo potrà raccontare la sua storia calata in un contesto globale di cambiamenti.

"In Sicilia -ha detto il presidente del Consorzio Aaster (Associazione agenti sviluppo territorio) Aldo Bonomi- si trova uno dei distretti della pesca più avanzati di questo Paese. Mazara del Vallo non è solo un incrocio di etnie e professioni rispetto a questo, è anche un grande distretto della pesca che si muove nel bacino del Mediterraneo, e quanto il mare serva a nutrire il pianeta mi sembra una cosa importante. Basti pensare all'agroalimentare o al vino di qualità, al patrimonio che la Sicilia ha all'interno. La piattaforma turistica siciliana -ha detto ancora Bonomi- ha molto da dire e rappresentare nel mondo, e credo che il problema sarà non solo come la Sicilia si rappresenterà all'Expo dentro al Padiglione Italia, ma quanto di quel flusso che arriverà a Milano sarà in grado di intercettare in una continuità di marketing territoriale estremamente importante".

Normale l'apertura del dibattito sulle modalità di partecipazione degli attori sociali ed economici e sui benefici alle imprese siciliane dell'agroalimentare. "Perdiamo troppo tempo a dimostrare di essere quando in realtà siamo –ha detto ad esempio la dott.ssa Emanuela Avola, consulente-progettista che ha assistito alla presentazione- Serve, oggi ancor più, un approccio bottom-up puntando sui concetti di natura, patrimonio ed innovazione. Mi chiedo inoltre: come avverrà la selezione dei soggetti che rappresenteranno la Sicilia all'Expo 2015? Come verranno gestiti i fondi disponibili dai vari assessorati in merito alla manifestazione? Prevarranno finalmente criteri di merito sull'offerta o come accaduto in passato logiche politiche?".

14-11-2013 19,10

{fshare}

In evidenza