Il ricordo di Denise Pipitone dimenticato nella “Villa al mare”

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
21 Marzo 2014 07:46
Il ricordo di Denise Pipitone dimenticato nella “Villa al mare”

Fa certamente molta sensazione e fa riflettere quel cartello quasi per terra che campeggia davanti a quell'alberello, molto trascurato, dedicato alla piccola Denise Pipitone scomparsa l'1 Settembre 2004 davanti alla sua abitazione di via

Domenico La Bruna. Teatro dello scempio è la villa Jolanda, una delle due ville in città.

Quell'alberello ed il cartello augurante il buon compleanno a Denise Pipitone fu piantato nel 2006 in occasione del sesto compleanno della piccola, un ricordo voluto dai suoi compagni di scuola.

L'inciviltà di qualcuno in questi anni ha prodotto i suoi effetti tanto che la stessa Piera Maggio, madre di Denise, dichiarò: in un'occasione: "la città non dimentica Denise, anche se alcuni gesti mi fanno molto riflettere, vedi una stella in pietra, donatami e collocata nell'alberello dedicato a Denise, a villa Jolanda, però rubata dopo qualche giorno". Beh cara Piera Maggio non siamo d'accordo, forse sarebbe meglio dire, e lo facciamo con molta tristezza ed anche rabbia, che la Città si ricorda di Denise Pipitone solo il 1 settembre di ogni anno, per ricordarne la scomparsa, e solo il 26 ottobre, per ricordarne il compleanno.

Quanto è evidente nella villa comunale è un ottimo indicatore dell'attenzione prestata al caso, mai risolto, della piccola Denise. Certamente vanno da stigmatizzare i vandali, chissà forse gli stessi che hanno rotto alcuni vasi in ceramica animati –come sottolineato dal primo cittadino- da motivi politici, ma nessuno si è accorto delle condizioni di quel cartello (vedi foto), ormai arrugginito (assicuriamo che stavolta non è colpa dello scirocco che ci lascia tranquilli da giorni), e dell'alberello? Abbiamo notato che le stesse condizioni persistono da mesi.

Eppure quasi ogni mattina una squadra di operai comunali sembra impegnata a pulire e potare le piante della stessa villa, definita pochi anni fa dal sindaco Cristaldi la "villa al mare" perché appunto davanti alla "spiaggia in città".

Possibile che nessuno si sia accorto di questo scempio ed atto ignobile, possibile che nessuno (anche fra i molti attenti su facebook a rapportare commenti etc.) abbia riferito al primo cittadino dell'accaduto? Insomma la stessa disattenzione prestata quando nella parte anteriore del vicino Arco Normanno comparvero alcune scritte con lo spray; anche allora le istituzioni lo vennero a sapere a mezzo stampa.

21-03-2014 8,40

{fshare}

 

In evidenza