Il Governo Renzi da via libera alle trivellazioni nel mare di Sicilia. Ecco i parlamentari siciliani favorevoli.

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
10 Novembre 2014 15:34
Il Governo Renzi da via libera alle trivellazioni nel mare di Sicilia. Ecco i parlamentari siciliani favorevoli.

Il decreto "Sblocca Italia", con cui il governo nazionale vuole far ripartire gli investimenti nell'edilizia e nelle opere pubbliche, è diventato legge dopo l'approvazione definitiva in Senato, mercoledì scorso. Il Decreto "Sblocca Italia" prevede al suo interno la liberalizzazione delle trivellazioni petrolifere a mare e sulla terraferma, ciò nonostante le numerose proteste di sindaci, associazioni ambientaliste e cittadini.

Un provvedimento gravissimo  anostro parere che da un lato allenta i già carenti controlli ambientali sulle trivellazioni e dall'altro semplifica ed accelera i provvedimenti di rilascio di concessione dei titoli minerari.

Le Regioni sono spogliate di ogni residua competenza in materia, i mari e la terraferma vengono, con l'equiparazione dei titoli minerari ad opere di interesse strategico nazionale, di fatto militarizzati, vengono aperte le trivellazioni in aree prima protette come le isole Egadi, il Canale di Sicilia Il delta del Po, il Golfo di Napoli e Sorrento e le acque antistanti Venezia. I titoli minerari verranno rilasciati in soli 180 giorni e le concessioni, potranno durare più di 50 anni. Insomma le lobby del petrolio sono state servite come si deve.  

L'Anci Sicilia, l'associazione dei Comuni siciliani, con il suo presidente Leoluca Orlando, fino a ieri, ha tuonato contro questo regalo alle compagnie petrolifere.

AllaCamera dei Deputati il testo è stato approvato il 30 ottobre scorso con 278 voti a favore su 439 votanti (presenti 446). I deputati eletti in Sicilia hanno massicciamente sostenuto il provvedimento, con poche eccezioni, che includono i parlamentari del M5s, di Sel e qualcuno del centrodestra.

Nel Pd, ad esempio, unica voce fuori dal coro, l'ex presidente della Regione siciliana Angelo Capodicasa che si è astenuto. Favorevoli, invece, quasi tutti gli altri a partire dall'uomo di Renzi in Sicilia e cioè Davide Farone che in molti vedono il favorito alla Presidenza della Regione dopo la parentesi Rosario Crocetta.La battaglia degli ambientalisti e del popolo siciliano, attraverso vari comitati (anche quello "No Triv") continuerà senza sosta, nelle aule di Tribunale, al parlamento Europeo e nelle piazze, per far ritirare questo provvedimento e tutelare il nostro territorio e il nostro mare.

Fa riflettere, e deve soprattutto far riflettere chi li ha votati, il fatto che molti parlamentari siciliani si dicono contrari alle trivellazioni (firmano pure mozioni locali) e poi vanno a Roma e si comportano come "Yes man" del Governo: un offesa al mandato ricevuto dai cittadini.

Ecco quindi come hanno votato i parlamentari siciliani, divisi per Camera dei deputati e Senato, il Decreto che da il via libera alle trivellazioni petrolifere nel mare siciliano.

Camera dei DeputatiPartito democratico1. Culotta Magda (non ha partecipato)2. Angelo Capodicasa (astenuto)3. Luigi Taranto (favorevole)4. Marco Causi (non ha partecipato)5. Faraone Davide (favorevole)6. Cardinale Daniela (favorevole)7. Piccione Teresa (favorevole)8. Ribaudo Franco (favorevole)9. Moscatt Antonino (favorevole)10. Iacono Maria (non ha partecipato)11.

Piccoli Nardelli Flavia (favorevole)12. Beretta Giuseppe (favorevole)13. Lauricella Giuseppe (favorevole)14. Raciti Fausto (non ha partecipato)15. Zappulla Giuseppe (non ha partecipato)16. Greco Maria (favorevole)17. Albanella Luisella (favorevole)18. Burtone Giovanni (favorevole)19. Gullo Maria (favorevole)Sinistra, ecologia e libertà e Centro democratico1. Palazzotto Erasmo (contrario)2.

Lo Monte Carmelo (non ha partecipato)Movimento 5 stelle1. Riccardo Nuti (contrario)2. Giulia Di Vita (contrario)3. Chiara Di Benedetto (contrario)4. Loredana Lupo (contrario)5. Azzurra Cancelleri (non ha partecipato)6. Claudia Mannino (in missione)7. Giulia Grillo (non ha partecipato)8. Tommaso Currò (contrario)9. Maria Marzana (contrario)10. Marialucia Lorefice (contrario)11.

Francesco D'Uva (contrario)12. Gianluca Rizzo (non ha partecipato)13. Alessio Villarosa (non ha partecipato)Centrodestra (Fi-Ncd)1. Angelino Alfano (in missione)2. Saverio Romano (non ha partecipato)3. Dore Misuraca (non ha partecipato)4. Gabriella Giammanco (non ha partecipato)5. Alessandro Pagano (favorevole)6. Riccardo Gallo Afflitto (contrario)7. Antonio Martino (in missione)8.

Stefania Prestigiacomo (contrario)9. Giuseppe Castiglione (in missione)10. Antonio Minardo (non ha partecipato)11. Basilio Catanoso (contrario)12. Vincenzo Garofolo (favorevole)Udc1. Adornato Ferdinando (favorevole)2. Gea Schirò (non ha partecipato)3. Vecchio Andrea (non ha partecipato)

Senato1. Amedeo Bianco, Pd (favorevole)2. Francesco Campanella, Misto (contrario)3. Nunzia Catalfo, M5s (voto non indicato nel resoconto stenografico)4. Antonio D'Alì, FI-PdL (contrario)5. Mario Ferrara, Gal (voto non indicato nel resoconto stenografico)6. Mario Michele Giarrusso, M5s (contrario)7. Vincenzo Gibiino, FI-PdL XVII (contrario)8. Marcello Gualdani, Ncs (favorevole)9.

Giuseppe Lumia, Pd (favorevole)10. Bruno Mancuso, Ncd (favorevole)11. Giuseppe Marinello, Ncd (favorevole)12. Corradino Mineo, Pd (favorevole)13. Pamela Giacoma Giovanna Orrù, Pd (favorevole)14. Venera Padua, Pd (favorevole)15. Pippo Pagano, Ncd (favorevole)16. Giuseppe Ruvolo, Gal (voto non indicato nel resoconto stenografico)17. Vincenzo Santangelo, M5s (contrario)18. Antonio Fabio Maria Scavone, Gal (voto non indicato nel resoconto stenografico)19.

Renato Schifani, Ncd (favorevole)20. Francesco Scoma, FI-PdL XVII (contrario)21. Salvatore Torrisi, Ncd (favorevole)22. Simona Vicari, Ncd (favorevole)

Francesco Mezzapelle

10-11-2014 16,30

{fshare}

In evidenza