Flash-mob Legambiente all'Oasi di Capo Feto: constatata la sporcizia

Necessita l'istituzione della Riserva al fine di maggiori controlli contro gli abbandoni di rifiuti e di altro materiale

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
18 Ottobre 2021 16:01
Flash-mob Legambiente all'Oasi di Capo Feto: constatata la sporcizia

Domenica 17 ottobre su iniziativa di Legambiente Sicilia si sono svolti 6 flash mob, nelle aree preziose di: Monte Mimiani, Bosco di Sperlinga, Capo Feto, Bronte, Castello della Pietra e Scala dei Turchi, per chiedere l'istituzione di nuove Riserve Naturali . Con il progetto Preziose Per Natura continua la nostra sfida per tutelare la biodiversità e proteggere il 30% del territorio e del mare entro il 2030.A sottolineare il valore e importanza della manifestazione tenuta a Capo Feto segnaliamo la presenza di giornalisti RAI del TGR 3 Sicilia.

Il circolo Fata Morgana di Mazara ha aderito alla manifestazione organizzando, in collaborazione col Circolo di Petrosino Marsala, il Flash Mob nell’Oasi di Capo Feto, che ha avuto la partecipazione del Presidente Regionale di Legambiente Gianfranco Zanna e anche dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Mazara del Vallo dr. Giacomo Mauro, che ha informato dell' atto del Sindaco Quinci e della Giunta di Mazara inviato alla Regione Sicilia e quindi è già stata intrapreso nei mesi scorsi l'iter che possa finalmente ridare pulizia e vivibilità al sito.

Hanno anche partecipato un folto gruppo volontari e di cittadini sensibili alle tematiche ambientali. I presenti hanno preso atto della situazione reale in cui si trova l’Oasi e tramite manifestazione chiedono alla Regione Sicilia la creazione della Riserva senza altra perdita di tempo.

In evidenza