Criminalità e violenza in Città e il consumo di droga. Imperversa il crack

La cronaca recente fa registrare anche l’aggressione ad un cittadino all’interno della propria abitazione

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
04 Giugno 2021 12:40
Criminalità e violenza in Città e il consumo di droga. Imperversa il crack

Le cronache degli ultimi giorni dovrebbero far suonare più di un campanello di allarme ai cittadini di Mazara del Vallo e ai rappresentanti istituzionali, coloro che governano la Città, e a chi si occupa di “politiche giovanili e sociali” che dovrebbero impegnarsi in proposte concrete e non, come accaduto spesso questi anni, in iniziative di facciata e con un orizzonte e cronometro politico ben preciso.

Le operazioni condotte dai carabinieri e dalla polizia di stato negli ultimi mesi hanno dimostrato, attraverso le numerose denunce di giovani sorpresi in possesso di droga, che Mazara del Vallo è una delle piazze trapanesi più importanti sia per lo spaccio che per il consumo di stupefacenti; consumatori di ogni età di diversi tipi di droga, da quelle considerate più leggere a quelle nuove, ancor più pesanti.

Nei giorni scorsi si è verificata una vera e propria aggressione ai danni di un residente in un’abitazione di via Madonna del Paradiso. Un gruppo di ragazzi ,sotto effetto certamente di alcol e stupefacenti, dopo aver suonato il citofono della stessa abitazione hanno aggredito, il residente, un uomo di circa 40 anni, provocandogli diverse contusioni. Un gesto alquanto vigliacco, oltre che ovviamente criminale. Il cittadino è stato trasportato presso l’Ospedale “A. Ajello”. Sulla vicenda stanno indagando, anche grazie all’ausilio di alcune telecamere esterne, i carabinieri.

Secondo infatti dei dati raccolti dall’Asp, va crescendo sempre più nella fascia d’età dai 16 ai 30 anni il consumo di droghe più pesanti, in primis di cocaina il cui costo si è abbassato negli anni permettendo quindi a gruppi di giovani di poterne acquistare piccoli quantitativi da dividere. Altro preoccupante fenomeno il “violento” ritorno dell’eroina e del crack, al cui spaccio e consumo sono spesso legati i numerosi episodi di microcriminalità verificatosi nell’ultimo periodo nel territorio mazarese.

Non mancano le azioni criminose da parte di giovani e casi di bullismo, per non parlare degli assembramenti durante l’attuale emergenza covid-19. Anche nel 2021 continuano a registrarsi rapine ad esercizi commerciali e perfino furti notturni a locali comunali (vedi di recente il canile di contrada Affacciata); in molti casi il movente sembra essere sempre lo stesso: necessità di liquidità per l’acquisto di droga. In questo contesto gli uomini delle forze dell’ordine presenti in Città fanno quello che possono, considerati uomini e mezzi a disposizione.

Francesco Mezzapelle 

In evidenza