Calcio, il Paceco propone il titolo sportivo al Mazara? Franzone: “No grazie”

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
27 Maggio 2017 08:10
Calcio, il Paceco propone il titolo sportivo al Mazara? Franzone: “No grazie”

Terminata da poco la stagione e raggiunta una salvezza in maniera più che dignitosa, per la società del Mazara Calcio è già tempo di pensare al futuro. Un futuro che, ad un certo punto, sembrava stesse per palesare, da una porta secondaria, i contorni della Serie D. Secondo indiscrezioni, o se vogliamo secondo chiacchiere da bar, la dirigenza del Paceco avrebbe presentato la succulenta proposta di vendere proprio a Filippo Franzone e soci, il proprio titolo sportivo, per poter così disputare nella prossima stagione il massimo campionato a livello dilettantistico, anche se non vi fosse certezza se i colori da indossare sarebbero stati quelli rossargento o quelli gialloblù.

Si tratta soltanto di indiscrezioni, le quali, seppur inizialmente, sembravano trovare fondamenta sui presupposti che il presidente Filippo Franzone ha lanciato fin dal primo momento in cui ha messo piede dalle parti di via Favara Scurto e cioè quello di voler portare il Mazara Calcio più in alto possibile e in breve tempo. Ma dalla società canarina, fanno sapere che le intenzioni non sarebbero affatto in linea con la proposta pacecota. Lo stesso Franzone, infatti, avrebbe già fatto sapere di continuare a costruire l’approdo in Serie D sul campo fin dal prossimo campionato d’Eccellenza.

Inoltre, un Paceco che ha chiuso il campionato d’Eccellenza in vetta al girone A con 62 punti ed il miglior attacco fatto di 61 gol (davanti proprio al Mazara con 57), non potrebbe mai non far saggiare ad una cittadina di poco più di 11.000 abitanti ma con tanti amanti del calcio vero, la massima serie a livello dilettantistico. A non reggere, sembra essere l’altra ipotesi, quella di una società rossargento disponibile a valutare l’offerta da parte di un gruppo di Marsala per portare dalle stalle alle stelle la storia calcistica di una città che adesso si ritrova a fare i conti, dopo tempo immemore, con il campionato di Promozione.Una risalita step by step dunque, da operare puntando sulla determinazione e la concretezza di un mister come Giacomo Modica, disposto a mettere in gioco la sua esperienza da professionista dal punto di vista sia tecnico sia tattico e con le idee ben chiare da trasmettere alla dirigenza in chiave mercato e crescita dei giovani.Franzone e tutto l’entourage gialloblù sono pronti a riscrivere una nuova storia sportiva per la città e per i tifosi, che già lo scorso anno, nonostante da rincorrere ci fosse soltanto la permanenza nel campionato d’Eccellenza, obiettivo non proprio in linea con la storia canarina, non hanno fatto mai mancare il proprio sostegno in casa e fuori.

Anche su di loro la società punta per raggiungere ambiziosi traguardi, insieme al secondo migliore attacco del campionato appena trascorso, da un allenatore solo per progetti vincenti e da un gruppo di calciatori che vuole continuare ad esprimere al massimo il proprio potenziale per far si di conquistare gli obiettivi sul campo e non sulle scrivanie dei notai.

Tommaso Ardagna27/5/2017{fshare}

In evidenza