Basket, Trapani cede 72-78 contro il fanalino di coda Bergamo

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
16 Febbraio 2020 22:00
Basket, Trapani cede 72-78 contro il fanalino di coda Bergamo

Non riesce la quinta vittoria consecutiva alla Pallacanestro Trapani, superata da Bergamo 72-78 in un PalaConad gremito. Approccio straordinario dei ragazzi di Parente che, con il solito quintetto composto da Corbett, Goins, Spizzichini, Palermo e capitan Renzi volano subito sul 34-18 dopo 10 minuti. Calvani, applaudito ex di turno, trova però grande concentrazione da parte dei suoi giocatori, ai quali va dato il merito di non essersi mai scomposti. Bergamo avvia una lenta rimonta, che viene concretizzata ad inizio terzo periodo quando sul 43-44 i lombardi mettono il muso avanti.

Trapani si ferma, gioca una partita mediocre rispetto alle ultime e lascia campo agli avversari. Attonito il pubblico di casa quando gli ospiti volano sul +11 al 27'. Un sussulto d'orgoglio riporta la 2B Control in scia grazie ad un parziale di 10-0 che vale il 62-63 al 30'. Ultimo periodo che Bergamo gestisce bene, piazzando immediatamente un break decisivo dal quale Trapani non riuscirà più a riprendersi. Per i granata, buona partita di Andrea Renzi autore di 23 punti. Solito bottino per Corbett, autore di 24 punti ma appena 1/7 da tre.

Bergamo domina a rimbalzo (40-27) e trova in Carroll il suo top scorer con 26 punti. Ora testa a Rieti, prima di affrontare la capolista Torino. Sala stampa Coach Calvani (Bergamo):  «Ritengo che sia stata una vittoria meritata poiché, dopo un primo quarto giocato malissimo, abbiamo cambiato ritmo e conquistato i due punti. Nella seconda parte di gara abbiamo stretto le maglie in difesa, ci abbiamo creduto e siamo stati bravi nel finale a vincere un finale di partita punto a punto.

Avevamo assoluto bisogno di questa vittoria, che ci tiene ancora in corsa». Coach Parente (Trapani): «Complimenti a Bergamo che ha meritato nell’arco dei 40 minuti. Mi dispiace per il pubblico che era molto numeroso. Ero preoccupato per l’approccio ed invece abbiamo iniziato benissimo ma poi abbiamo sbagliato troppo. Abbiamo perso la lotta a rimbalzo e sciupato troppi possessi. Il secondo e terzo quarto sono stati giocati malissimo, è vero che i falli ci hanno costretto a giocare con quintetti mai provati prima ma abbiamo avuto grande difficoltà a trovare la via del canestro nonostante la nostra difesa riuscisse comunque a reggere.

Quando Bergamo è rientrata ci siamo innervositi troppo». Emanuele Barbara

In evidenza