Successo della conferenza-spettacolo “Di Giufà ed altre stupidità”. Intervista all’autore ed attore teatrale Rosario Lisma

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
23 Agosto 2013 11:05
Successo della conferenza-spettacolo “Di Giufà ed altre stupidità”. Intervista all’autore ed attore teatrale Rosario Lisma

     

   VIDEO    Lo scorso 20 agosto, presso l'atrio del Collegio dei Gesuiti è andato in scena lo spettacolo teatrale "Di Giufà e di altre stupidità" del noto attore teatrale Rosario Lisma (nella foto) con i musicanti (in forma di trio: chitarra, contrabbasso e clarinetto). L’evento è stato organizzato

nell'ambito dell'Estate Mazarese e voluto dall'assessore comunale alla Cultura, Danilo Di Maria. E’ statauna divertente "conferenza spettacolo" sul tema della "stupidità" che è alla base dei testi letti e delle canzoni cantate dallo stesso Lisma. Dalla letteratura sono stati scelti brani del Don Chisciotte di Cervantes, del Decamerone di Boccaccio, dei racconti di Giufà, personaggio emblema della nostra tradizione mediterranea e siciliana e tòpos della stupidità nel racconto orale. Lo spettacolo ha compreso anche dei pezzi satirici scritti da Lisma sulla società attuale con le ultime mode e le nuove storture della ragione.

Il giorno precedente alla messa in scena dello spettacolo  abbiamo incontrato Rosario Lisma  che ci ha così spiegato: "Socrate diceva "uomo conosci te stesso", allora per cercare di approfondire la conoscenza di me stesso ho iniziato a studiare la stupidità. Comunque sono in buona compagnia. Soprattutto negli ultimi tempi ho notato che la stupidità dilaga. Vi è una bibliografia sterminata, anche gli economisti ne parlano. E’ una miniera d'oro la stupidità umana.

La "conferenza spettacolo" –ha raccontato- nasce dall'esigenza di approfondire e conoscere un tema antico come l'uomo: la stupidità, che da sempre ha ispirato racconti, romanzi e studi filosofici. E’ stata una cavalcata storica e artistica su questo argomento con chiari riferimenti alla civiltà greca, alla Bibbia, al medioevo, al rinascimento. Sono stati chiamati in causa vari autori che si sono occupati della stupidità, come Eco, Sciascia, Musil, Dostoevskji, ma senza dimenticare Totò, Altan e persino Forrest Gump con Tom Hanks, ricordate la nota frase: "stupido è chi lo stupido fa?".

Rosario Lisma ha parlato di come oggi la stupidità trovi terreno fertile anche attraverso le nuove tecnologie: "la stupidità corre velocissima, l'esempio più evidente è quello del web che come strumento tecnologico invece che farla arretrare la amplifica enormemente, sottolineo però che anche io sono un grande frequentatore del web, ci sguazzo soprattutto nei social network".

Sui rapporti fra "stupidità e potere", Lisma non ha dubbi: "Si infatti il potere utilizza la stupidità per potersi affermare e perpetrare, il potere ha sempre amato lo stupido: il principe preferisce lo stupido e non chi pone domande o addirittura critica, anzi il potere foraggia spesso la stupidità a proprio uso e consumo".

Rosario Lisma ci ha annunciato la sua prossima apparizione sul grande schermo: "a dicembre uscirà nelle sale il film realizzato da "Pif", l'ex Iena, dal titolo: "la mafia uccide solo d'estate", che è una storia ambientata nella  Sicilia anni '70 ed '80 e la mafia viene vista attraverso gli occhi di un bambino, io interpreto il padre". Nel frattempo Lisma continuerà la sua attività in teatro che già vanta molti importanti lavori andati in scena nei maggiori teatri nazionali: "riprenderemo la tournee de "Il Ritorno a casa" di Harold Pinter, per la regia di Peter Stein, e poi a marzo uscirà con debutto al teatro Franco Parenti di Milano, il mio nuovo lavoro "Peperoni difficili", è una commedia che affronta temi molto profondi anche teologici".

Infine chiediamo: come è il ritorno a casa di Rosario Lisma, 38enne mazarese che torna in vacanza nella sua città?: "come nel personaggio dell'opera di Pinter, anch'io -ha detto- nutro un forte legame con le mie radici, io non posso fare a meno di Mazara del Vallo, anche se poi ci ritorno e da figlio di questa terra vedo i suoi limiti e ciò che non va; tutte le volte è amore e dolore. Ma vi ritorno lo stesso, molto volentieri". Infine il saluto di Rosario Lisma: "un grande in bocca al lupo a tutti gli internauti,e, soprattutto, ai lettori di www.primapaginamazara.it .

19-08-2013 18,00

In evidenza