“Patto per il Sud”, l’Amministrazione Cristaldi ringrazia Renzi & C. Oppure “scarica” responsabilità di opere non compiute?

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
13 Settembre 2016 09:26
“Patto per il Sud”, l’Amministrazione Cristaldi ringrazia Renzi & C. Oppure “scarica” responsabilità di opere non compiute?

La discesa in Sicilia nei giorni scorsi del Presidente del Consiglio Matteo Renzi è stata strategica, soprattutto in funzione delle prossime scadenze elettorali e consultive. Renzi, ed il suo entourage sa bene che la Sicilia rappresenta la “cartina tornasole” della situazione politica italiana. Toppare in Sicilia spesso in passato è stato preludio ad una sconfitta a livello nazionale.

Così Renzi è sceso con il suo “stato maggiore” composto da siciliani per servire un “piatto caldo” al Governo regionale di Rosario Crocetta; in nome della “governabilità” temporaneamente sono state messe da parte le diatribe con il sottosegretario renziano Davide Faraone che ambisce a diventare Governatore.

Per mettere tutti d’accordo, e tenere tranquilli gli animi dei siciliani che da qualche tempo a questa parte hanno mostrato parecchie insofferenze sia in merito al Governo siciliano che quello nazionale (non è un caso che lo stesso Renzi a Catania sia stato accolto da moltissimi manifestanti fermati con la forza dalla Polizia prima del loro avvicinarsi al corteo presidenziale; fatti ed immagini che molti organi di stampa “compiacenti” hanno celato) è stato firmato sabato ad Agrigento il Patto per il Sud per la Regione Sicilia tra Matteo Renzi e Rosario Crocetta.

Si tratterebbe (usiamo il condizionale non a caso) di risorse per 5 miliardi e 750 milioni di euro che la Sicilia dovrà spendere in 5 anni. “Già nei prossimi mesi e nel 2017 –si legge in comunicato arrivato ieri mattina alla nostra redazione dal Pd di Mazara del Vallo - saranno avviati cantieri per 2 miliardi e 320 milioni di euro, che riguardano interventi su infrastrutture e viabilità, sul patrimonio culturale, centri storici, riqualificazione delle periferie, e impiantistica sportiva.

In programma anche interventi contro il dissesto idrogeologico ed erosione delle coste. Anche Mazara –si legge nello stesso comunicato- tra le città che beneficeranno di tali risorse. In particolare dal patto per il sud giungeranno a Mazara 25 milioni di euro che permetteranno di realizzare alcune opere cantierabili che hanno ricevuto il via libera della giunta regionale. Si tratta del collettore acque nere del depuratore Bocca Arena, del potenziamento dello stesso depuratore e del collettamento di Trasmazzaro e Tonnarella col depuratore Bocca Arena.

Grande soddisfazione è stata espressa dal PD di Mazara e dalla segretaria Teresa Diadema”.

Come avviene spesso negli ultimi tempi, vedi in particolare la vicenda del completamento ed alla riorganizzazione delle risorse in quello che sarà il nuovo Ospedale “A. Ajello”, ad un comunicato del Pd mazarese segue sempre un comunicato dell’Amministrazione Cristaldi, e viceversa. Insomma quasi un gioco a rincorrersi fra i rispettivi rappresentanti politici per potersi guadagnare ognuno la propria fetta di consensi.

L’Amministrazione Cristaldi anche di recente, sempre sulla questione Ospedale, ha avuto parole di elogio (a seguito di incontri) nei confronti dell’Assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi che a Mazara avrebbe molti suoi simpatizzanti fra le fila del Pd. Forse proprio l’Amministrazione Cristaldi non stia preparando il terreno all’elezione a prossimo sindaco della Città ad un rappresentante locale del Pd? Certo potrebbe sembrare strano considerate la nota esperienza nella politica di destra (anche quella più estrema) del sindaco Nicola Cristaldi. Ma si sa la “ragion di stato” porta spesso al “collaborazionismo”.

Oppure la stessa Amministrazione mazarese ha voluto “scaricare” sul Governo nazionale la responsabilità di alcuni progetti che nonostante i diversi proclami ancora rimangono sulla carta? (In copertina foto-collage Matteo Renzi e Nicola Cristaldi)

Nel frattempo la stessa Amministrazione Cristaldi “ringrazia” Renzi & C. per i soldi e rilancia. Infatti nel comunicato diramato dal Comune non si parla di 25 milioni dal Patto per il Sud bensì di 29 milioni. Ecco il testo della nota diramata dall’Amministrazione Cristaldi (a firma del vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici Silvano Bonanno, con riferimento al Patto per il Sud ed alle opere previste per Mazara del Vallo) qualche ora dopo quella del Pd mazarese:

“Abbiamo appreso con molta soddisfazione che nel 'Patto per il Sud' sono inseriti quei progetti che il Comune di Mazara del Vallo ha presentato ed ha già avuto finanziati. In particolare sono i progetti presentati dall’Amministrazione Cristaldi e finanziati dal Cipe nel 2012: la nuova rete fognaria a Trasmazaro e Tonnarella per un investimento complessivo di 23 milioni di euro, il potenziamento del depuratore per adeguarlo a 69 mila abitanti equivalenti, con un investimento di 3 milioni di euro ed un ulteriore milione di euro per gli impianti di sollevamento del lungomare funzionali al depuratore.

Opere che l’amministrazione Cristaldi ha progettato ed ha avuto la capacità di farsi finanziare e le cui coperture finanziarie vengono ora confermate. Nel Patto per il Sud è inoltre inserita un’altra importante opera come l’escavazione del porto che è già stata appaltata per due milioni di euro grazie alla prima tranche di finanziamento ottenuta dall’Amministrazione Comunale tramite il Ministero dell’Ambiente. Opera che ci auguriamo venga avviata nelle prossime settimane.

Siamo comunque soddisfatti anche per l’inserimento del progetto di 150 milioni di euro della Mazara – Birgi, finanziata grazie al lavoro sinergico del Sindaco Cristaldi con l’allora presidente della Provincia Mimmo Turano e l’allora ministro delle Infrastrutture Matteoli”.

Francesco Mezzapelle

13-09-2016 11,00

{fshare}

In evidenza