Nota del MSFT: agricoltura abbandonata dalle istituzioni

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
28 Dicembre 2016 12:48
Nota del MSFT: agricoltura abbandonata dalle istituzioni

Nonostante la ricchezza di terre e prodotti il comparto è sprofondato in una crisi che sembra non trovare soluzioni. Mancano politiche di marketing e si deve fare i conti con una scarsa capacità di commercializzazione.

Duro appello lanciato da Francesco Messina (Segretario Provinciale MSFT di Trapani) per salvare il comparto agricolo nel Trapanese e Siciliano stretto più che mai nella morsa della crisi.

Perché questo comparto è sprofondato in una crisi acuta ? Sicuramente a causa della miopia delle classi dirigenti.

La crisi del settore agricolo viene da lontano e viene alimentata non solo dalle deficienze della politica, ma anche da ragioni prettamente strutturali che negli anni non si è riusciti ad aggredire e che, oggi, si manifestano in tutta la loro gravità.

I fattori strutturali sono:

1) Mancanza di politiche di marketing per promuovere i nostri prodotti nel mondo.2) Scarsa capacità di commercializzazione dei prodotti.3) Grave mancanza di un insediamento industriale, nella nostra provincia, per la lavorazione e la trasformazione dei nostri prodotti.4) Scarsa propensione alla cooperazione. Gli agricoltori siciliani sono restii ad associarsi tra di loro (come invece avviene ad esempio in Spagna).5) Mancanza di sostegni all’integrazione e alla completa tracciabilità di filiera.6) Mancanza di rafforzamento delle infrastrutture viarie di penetrazione agricola.7) Carenze di iniziative a sostegno dello sviluppo tecnologico e produttivo.

Stiamo pagando il prezzo di politiche sbagliate, causate da un’amministrazione inefficiente e da un cattivo modo di gestire le risorse pubbliche ed i fondi europei in particolare. La Sicilia è addirittura l’ultima, tra le regioni d’Italia, per l’utilizzo delle risorse comunitarie.

I braccianti agricoli, che sono la parte più debole della catena, troppo spesso, purtroppo, sono dimenticati dalle istituzioni.

A fronte di tutto ciò, il MSFT chiede una serie di provvedimenti urgenti a sostegno di questa categoria e per il rilancio dell’intero comparto agricolo della nostra provincia.

Chiediamo, in particolare, la modifica della normativa che regola la fruizione dei benefici per i braccianti agricoli, e la messa in campo, da parte delle istituzioni, di opportuni ammortizzatori sociali che diano un sostegno al reddito dei braccianti.

Queste misure sono urgentissime per quei comuni a forte vocazione agricola come, poiché queste comunità rischiano di attraversare una crisi economica e sociale non sostenibile.

Comunicato stampa28/12/2016{fshare}

In evidenza