Mazara, per il Carnevale 2018 niente sfilata di carri allegorici. Silenzio dal Comune su proposta Comitato Carnevale Mazarese

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
28 Gennaio 2018 09:33
Mazara, per il Carnevale 2018 niente sfilata di carri allegorici. Silenzio dal Comune su proposta Comitato Carnevale Mazarese

Nello stesso luogo dove l’anno scorso di questi tempi cittadini mazaresi lavoravano giorno e notte per allestire dei carri allegorici, adesso sono deserti, tutto chiuso. E’ facile comprendere che l’ormai imminente carnevale non vedrà, salvo miracoli o sorprese, nessuna sfilata di carri allegorici in Città, in pratica non sarà lo stesso Carnevale del 2017.

Eppure finita la manifestazione carnascialesca a fine febbraio del 2017 tutto lasciava presagire che nel 2018 ci sarebbe stata una crescita dello stesso carnevale mazarese. Ricordiamo che lo scorso anno ad organizzare il carnevale era stato il “Comitato Carnevale Mazarese” insieme al gruppo “Irriducibili”. Furono “cinque giorni intensi nel corso dei quali –così si leggeva in una nota del Comune- quattro carri allegorici allestiti con tanta passione e maestria da uomini e donne del Comitato e dagli Irriducibili hanno sfilato per le vie cittadine e fatto divertire grandi e piccini”.

In effetti in quei giorni, dal 23 al 28 febbraio, a sfilare per le vie principali della Città furono quattro bellissimi cari, con temi diversi: “Il Bruco”, “Il Vecchio e la Vecchia” (che rappresentava la tradizione marinara mazarese), “Rio” e “Alladin”. Al loro seguito centinaia di cittadini che ballavano al ritmo della musica e dei danzatori di alcuni scuole di ballo mazaresi. 

Insomma per il carnevale mazarese 2017 si innescò un gran bel movimento (vedi anche i servizi video realizzati dalla nostra redazione) che dimostrarono il grande spirito di volontariato e la grande maestria di tanti artigiani mazaresi, da fabbri, edili, elettricisti, falegnami etc.(vedi foto n.2) nel volere regalare (nel 2012 fu realizzato il primo carro allegorico e pian piano la manifestazione crebbe) un sogno all’intera cittadinanza, cioè quello di un carnevale che potesse crescere al pari di altri carnevali siciliani, dal vicino carnevale di Petrosino a quello più affermato di Sciacca.

Gli ingredienti vi erano tutti, anche una sessantina di piccole ditte e medie aziende del territorio risposero contribuendo all’iniziativa. Era bello anche il clima che si respirava –come descritto all’inizio- nel capannone, nei pressi di via Archi, concesso gratuitamente da un privato, dove vennero allestiti i carri (vedi foto -collage di copertina dove si evidenzia come nello stesso capannone dove lo scorso anno di questi tempi si lavorava incessantemente per il Cranevale quest'anno invece vi è il deserto).

Per diversi mesi una trentina di persone, con al seguito le famiglie, lavorarono insieme, giovani e anziani condivisero conoscenze per un unico fine, un bell’esempio di sinergia creativa per la città. Molti cittadini decisero pertanto di trascorrere il periodo di carnevale in città senza dover spostarsi nelle altre città siciliane dove organizzati i carri allegorici.

Si pensava che per il 2018 si potesse quanto meno ripetere la stessa manifestazione, anzi vi erano le premesse per una crescita del carnevale mazarese. Infatti lo stesso Comitato Carnevale Mazarese si è riorganizzato, rafforzato, con lo stesso gruppo “Irriducibili” confluito in esso. Abbiamo anche appreso che il Comune non avrebbe ancora pagato il contributo assicurato allo stesso Comitato (vedi delibera n.18 del 22 febbraio 2017) di 3.500 euro per l’organizzazione del Carnevale 2017).

Nonostante questo a fine ottobre 2017, il Comitato Carnevale Mazarese (ricordiamo che è un’organizzazione no profit) ha presentato una proposta (protocollata al Comune) di programma per il 2018 indirizzata al sindaco Nicola Cristaldi (e per conoscenza al Presidente del Consiglio comunale Vito Gancitano, all’Assessore al Bilancio Vito Billardello, al Presidente della IV Commissione consiliare e al Comando della Polizia Municipale). La proposta all’Amministrazione Cristaldi per l’acquisto della manifestazione denominata “Carnevale Mazarese 2018” per complessivi 16.250 euro comprendeva: materiali e noleggi di n.4 carri allegorici, contributo Siae, la stampa di materiale pubblicitario della manifestazione ed il noleggio di quattro trattori con conducenti per le 5 giornate (8-10-11-12-13 febbraio).

Il tema proposto per il Carnevale 2018 era: “Carnevale, La Città, i bambini nel fantasioso mondo delle favole”, il programma comprendeva oltre alla sfilata dei carri allegorici per la Città (abbiamo appreso che ai 4 se ne sarebbe aggiunto un quinto allestito da un altro gruppo) anche l’animazione e giochi a conclusione delle serate in piazza della Repubblica, infine un concorso con giuria popolare per premiere il carro più bello, il gruppo mascherato e pure la maschera singola.

Si prevedeva anche l’allestimento di un palco in piazza della Repubblica con l’esibizione di cantanti e cabarettisti alla fine di ogni sfilata dei carri. Insomma un programma ricco per ogni giornata del Carnevale a partire dalle ore 16 fino alle 24.

Nella stessa proposta gli organizzatori hanno evidenziato il loro obiettivo: “In modo particolare si intende offrire ai cittadini, alle famiglie mazaresi ai diversamente abili la possibilità di momenti di aggregazione che privilegino l’attenzione verso i bambini dando loro la possibilità vivere momenti di “felicità” familiare e cittadina, in perfetta simbiosi con il pensiero di codesta spettabile amministrazione. Si vuole quindi portare la gamma d’offerta culturale e di attrattiva per la città di Mazara del Vallo, offrendo a chi visita la nostra città elementi d’interesse, riflessione e positività nei confronti del nostro territorio e della nostra comunità cittadina”.

Dal Comune, dall’Amministrazione Cristaldi non è pervenuta nessuna risposta alla proposta del Comitato. Abbiamo anche appreso che il Comune di Mazara del Vallo non avrebbe ancora pagato il contributo assicurato allo stesso Comitato (vedi delibera n.18 del 22 febbraio 2017) di 3.500 euro per l’organizzazione del Carnevale 2017).

A quanto pare però il suddetto obiettivo evidenziato dal Comitato per il carnevale non è stato ritenuto interessante per l’Amministrazione comunale. Non sappiamo quali motivi ostativi abbiano convinto gli amministratori della Città a non rispondere ed incontrare i rappresentanti del Comitato al fine di organizzare il carnevale in città. Magari si poteva rimodulare la proposta concedendo un contributo per il patrocinio del Comune alla manifestazione. Sono prevalse altre logiche? Chissà forse è venuto meno il “feeling” fra gli interlocutori, o l’interlocutore, da parte dell’Amministrazione con il Comitato che risulta più compatto che mai?

Perché è stata privata la cittadinanza intera di una manifestazione che certamente è cresciuta di anno in anno? Pensiamo anche agli esercenti che con le migliaia di persone per le strade avrebbero potuto avere degli introiti (bar, pizzerie, venditori di materiale carnevalesco etc..). Speriamo che interessi personali non abbiano influito sulla possibilità di far crescere il carnevale mazarese. Sappiamo che per il Carnevale 2018 l’Amministrazione avrebbe patrocinato (onerosamente) qualche iniziativa (una sfilata in maschera per l’8, 10 e 11 febbraio) proposta da un’Associazione, ma onestamente crediamo che tale iniziativa, seppur rispettabilissima nei suoi fini, non possa colmare il vuoto lasciato dalla sfilata dei carri allegorici per le vie della Città. Speriamo che qualcosa, anche se sembra difficile logisticamente a questo punto, possa smuoversi…

Lo scorso anno molti mazaresi vista l’organizzazione della sfilata dei carri allegorici (vedi foto n.3 del Carnevale mazarese 2017 ove evidente la grande partecipazione della cittadinanza alla sfilata dei carri allegorici) decise di non raggiungere in quel periodo Petrosino (che quest’anno sarà l’unica città in Provincia ad organizzare la sfilata dei carri allegorici) e la più lontana Sciacca. Quest’anno, vista la situazione venutasi a creare, vi è la seria possibilità che molte famiglie mazaresi si spostino in altre città per vivere in piazza e fra le strade la magia del carnevale.

Francesco Mezzapelle

28-01-2018 10,00

{fshare}

In evidenza