Distretto Pesca, dal Nordafrica con un ricco portafoglio di contratti

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
14 Febbraio 2016 11:00
Distretto Pesca, dal Nordafrica con un ricco portafoglio di contratti

VIDEO - Contratti per 12 milioni di euro e due accordi nel settore della politica ittica e nel campo olivicolo sono il risultato di una missione commerciale e scientifica in Algeria e Tunisia guidata da Giovanni Tumbiolo Presidente del Distretto Produttivo della Pesca.

Dopo gli incontri tecnici e politici di Algeri dove il Presidente del Distretto siciliano accompagnato dall'Ambasciatore d'Italia ad Algeri, S.E. Michele Giacomelli, ha incontrato il Ministro dell'Agricoltura e Pesca, On. Ahmed Ferroukhi, la delegazione composta da 14 imprenditori e da rappresentanti della Regione Siciliana e di importanti istituzioni scientifiche siciliane, è stata ricevuta a Tunisi da S.E. Raimondo De Cardona Ambasciatore italiano a Tunisi. (in foto n.1 La delegazione del Distretto ricevuta dall'Ambasciatore De Cardona).

Sono seguiti incontri bilaterali ai quali ha partecipato attivamente l'Europarlamentare siciliana Michela Giuffrida che ha avuto incontri con il Presidente dell'UTAP, il Segretario Generale dell'APIA, il Capo Gabinetto del Ministro dell'Agricoltura e il Direttore Generale della Pesca del Ministro Tunisino. L'On. Giuffrida ha dichiarato: “L’Unione Europea deve facilitare le politiche di vicinato, vi sono programmi europei specifici per le iniziative transfrontaliere; bisogna insistere a partire dal settore della pesca –ha sottolineato Michela Giufridda- facendo leva, come nel caso della Sicilia e della Tunisia, sulle sinergie stabilite nel tempo al fine di stringere accordi di cooperazione”. (L'intervento di Giovanni Tumbiolo sulla cooperazione far Sicilia e Tunisia nei settori pesca ed agricoltura).     

Numerosi gli incontri fra gli imprenditori italiani e tunisini. La delegazione è stata infine ricevuta all'Ambasciata d’Italia dalla Dott.ssa Cristina Natoli, Direttrice dell’Ufficio di Tunisi dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, per una riunione tecnica sugli strumenti finanziari che il Governo Italiano e Tunisino mettono a disposizione delle imprese italiane.

Comunicato Stampa

14-02-2016 11,45

{fshare}

In evidenza