Campobello, le scuole celebrano la Giornata della Memoria

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
30 Gennaio 2017 09:41
Campobello, le scuole celebrano la Giornata della Memoria

«In un momento di grandi tensioni a livello internazionale, come quello attuale, è più che mai doveroso celebrare la Giornata della Memoria al fine di conservare il ricordo di un così tragico e oscuro dramma dell’umanità che non riguarda solamente il popolo ebraico, ma ognuno di noi e le nostre coscienze.

L’intolleranza e la xenofobia sono infatti mali che tutt’oggi circolano nella nostra società e uno sguardo attento e vigile su quanto si verifica nel mondo ci dimostra che tante e diverse forme di fanatismo e di persecuzione sono ancora in atto. La shoah non può dunque finire solo nei ricordi.

Ricordare il passato ci aiuti a comprendere e a giudicare meglio il presente, facendo in modo che eventi così aberranti e disumani non si ripetano mai più in nessuna parte del mondo. Per questo motivo è particolare importante che questi temi vengano affrontati, soprattutto a scuola, dove ogni giorno si formano gli uomini di domani». È stato questo il messaggio del sindaco Giuseppe Castiglione, che stamattina ha partecipato ad entrambe le manifestazioni promosse dai due istituti scolastici di Campobello.

Nell’istituto comprensivo “L. Pirandello – S. Giovanni Bosco”, gli alunni delle seconde classi della scuola secondaria di primo grado, coordinati dai docenti Rosanna Equizzi, Sara Capo, Giovanni Urso, Cristina Parrinello, Sonia Cusumano e Francesca Luppino, in particolare, hanno dato vita a diversi momenti di riflessione, ricordando con parole, immagini, balli e canti l’immane tragedia dell’Olocausto.

La manifestazione ha visto in apertura l’esibizione del coro d’Istituto diretto dal prof. Francesco Barbaria e dal prof. Vito Di Trapani. Oltre al Sindaco, hanno portato il proprio contributo il dr. Antonino Margiotta, il sacerdote don Pietro Pisciotta e il prof. Giuseppe Giovanni Lo Sciuto, che ha raccontato la drammatica testimonianza del padre sopravvissuto a un campo di sterminio nazista.

A chiudere i lavori è stato il dirigente scolastico Giulia Flavio, che ha ringraziato tutti i presenti, i docenti che hanno coordinato l’iniziativa e, soprattutto, gli alunni che sono stati i veri protagonisti dell’iniziativa.

Molto toccante è stata anche la manifestazione degli alunni dell’Istituto Tecnico per Geometri “V. Accardi”, che stamattina, nell’auditorium “Silvestro Messina” hanno portato in scena “Per vivere ciò che è stato”, una rappresentazione che racconta la storia di un giovane uomo tormentato dal ricordo della Shoa, dimostrando attraverso i dialoghi tra i personaggi, la danza e il canto, che il nazismo non ha vinto e non potrà mai vincere, finché sulla terra ci saranno uomini che sentiranno il bisogno di gridare basta alle atrocità dell’uomo sull'uomo. La regia dello spettacolo è stata curata dalla prof.ssa Maria Grazia Bianco, mentre la coreografia dall’alunna Oriana Sinfonia e le scenografie e i costumi dalla prof.ssa Vita Pellicane.

Hanno collaborato per la riuscita dello spettacolo, inoltre, le prof.sse Leonarda Di Maria, Alba Stella, Francesca Di Gangi e Angela Ferraro.

Comunicato stampa30/01/2017{fshare}

In evidenza