Aggiudicati i lavori per restyling del palazzaccio di piazza della Repubblica

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
03 Luglio 2013 07:45
Aggiudicati i lavori per restyling del palazzaccio di piazza della Repubblica

L'ufficio comunale "Gare e Appalti" ha concluso l'iter dell'appalto relativo ai lavori di restyling del palazzo comunale di piazza della Repubblica, aggiudicando all'impresa Cassano srl di Mazara il pubblico incanto con il ribasso del 28,143% sulla base d'asta di € 290.933,77. Ecco gli interventi:

 1) la demolizione della torre e il taglio della galleria aggettante per l'adeguamento dei volumi dell'edificioalle proporzioni dell'intera piazza;2) il ripristino della muratura in corrispondenza delle demolizioni per il ridisegno della facciata e ilrivestimento delle parti ricostituite;3) la chiusura di alcune aperture per rimodulare le proporzioni della facciata;4) il mantenimento e la pulitura del basamento in travertino locale;5) il mantenimento e l'integrazione del rivestimento al piano rialzato e al piano primo;6) il rivestimento e la finitura degli ultimi due piani con intonaco a stuccone a grana grossa;7) una nuova sistemazione interna degli spazi da adibire a uffici e sale di rappresentanza;8) l'adeguamento dei servizi igienici e il rifacimento di tutti gli impianti (idrico, elettrico, dicondizionamento);9) una rampa di accesso al piano seminterrato da via XX Settembre.I lavori, che presumibilmente saranno avviati entro il mese di luglio, termineranno entro un anno.

Il restyling del di piazza della Repubblica è fra le nove opere previste nell'elenco annuale 2012 del piano triennale delle opere pubbliche 2012-2014, approvato nei mesi scorsi dal Consiglio comunale. Il progetto è stato sempre presente nei piani annuali approvati dalla Giunta Cristaldi fin dal suo insediamento, purtroppo, però, l'opera attesa da decenni, non è mai stata realizzata. Nell'elenco del 2012 erano previste 400 mila euro per l'opera di restyling dell'antiestetico palazzo comunale risultano suddivise da: 63 mila euro da avanzo di amministrazione, 237 mila euro da proventi di concessioni edilizie e 100 mila euro con copertura finanziaria di bilanci precedenti.

Nell'elenco annuale del 2011 l'opera doveva essere cofinanziata con 300 mila euro dalla Provincia regionale di Trapani e per i restanti 100 mila euro a carico delle casse comunali. Il mancato arrivo delle somme previste dalla Provincia ha fatto slittare l'inizio dei lavori del rifacimento della facciata del palazzo costruito, a seguito del terremoto del '68, fra la fine degli anni '60 e '70 in uno stile prettamente modernistico scandinavo non certamente in linea con il contesto strutturale della piazza dove si trovano, l'uno di fronte l'altro, la sede vescovile ed il seminario, per non parlare della bellissima facciata laterale della cattedrale che sorge nella parte est della stessa piazza.

Dopo aver abbandonato l'idea, per molti decenni oggetto di ampio dibattito, di realizzare il progetto redatto dall'illustre scultore Pietro Consagra e donato alla sua città, il restyling del "palazzaccio", così come deciso due anni fa dal sindaco Nicola Cristaldi, è stato affidato al giovane architetto Elena Calafato. L'Amministrazione ha così acquistato, per circa 20.000 euro, il progetto che prevede la demolizione della attuale torre ed il taglio della galleria ed il ridisegno della facciata.

Lo scorso dicembre l'amministrazione comunale aveva annunciato di avere ottenuto tutti i pareri ed autorizzazioni di legge, a partire dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Trapani. Il nuovo progetto "minimalista" prevede: un piano seminterrato destinato a galleria espositiva e punto multimediale con il mantenimento del servizio di centralino; un piano rialzato destinato ad "hall" ed uffici di segreteria; il primo piano conterrà una sala conferenze con i relativi uffici; il piano secondo sarà destinato a sede di rappresentanza comunale e provinciale; il piano terzo manterrà l'attuale destinazione del sistema informativo comunale.

Così ha dichiarato il sindaco Nicola Cristaldi: "da quanti anni in questa città si parlava di recupero del centro storico? E da quanti anni in questa città si dibatte della necessità di eliminare l'orrida facciata del palazzaccio di piazza della Repubblica? Ebbene, mentre per la riqualificazione del centro storico gli effetti della nostra azione sono sotto gli occhi di tutti, per quanto riguarda il palazzaccio siamo lieti di annunciare che si è finalmente concluso il lungo iter dell'aggiudicazione definitiva dei lavori.

Ciò consentirà entro l'estate di avviare gli interventi, restituendo dignità a piazza della Repubblica attraverso un intervento minimalista che dona al Palazzo comunale un ruolo, una funzione ed un'immagine in sintonia con l'architettura della storica piazza. Sarà un motivo d'orgoglio per la nostra Città".In merito al progetto il primo cittadino ha aggiunto: "l'originario progetto di rifacimento della facciata del maestro Pietro Consagra, che avevo fatto finanziare quando ero presidente dell'Ars purtroppo non è stato approvato dalla Soprintendenza, anche se ancora quella ed altre similari decisioni mi sembrano assurde.

Divenuto sindaco ho lavorato con i miei collaboratori affinché la facciata fosse ugualmente eliminata ed abbiamo così individuato il progetto che a nostro giudizio risponde alla duplice esigenza di rifare la facciata, adeguando i volumi dell'edificio alle proporzioni dell'intera piazza".

 

{fshare}

In evidenza